La legge c'è ma manca il decreto che indichi le specifiche tecniche del dispositivo. Per l'entrata in vigore i tempi si allungheranno

Dispositivi salvabebé: la legge che impone di usare dispositivi anti-abbandono è effettiva ed entrerà in vigore il 27 ottobre. L’obiettivo è aiutare i genitori prevenendo le morti dei piccini dimenticati in auto dal padre o dalla madre sotto il sole cocente e senza aria. Ma sul web circola una bufala: il 27 ottobre scatterebbe l’obbligo di usare i seggiolini salvabebé e, chi non li utilizza, rischierebbe una multa.

Perché è una bufala

In realtà la legge c’è. Entra in vigore il 27 ottobre 2018. Modifica il Codice della Strada (articolo 172). Che diventa così: il conducente, quando trasporta un bambino di età inferiore ai 4 anni assicurato al sedile con il sistema di ritenuta, ha l'obbligo di utilizzare apposito dispositivo di allarme volto a prevenire l'abbandono del bambino”.

Ma c’è un ma. Questo seggiolino salva-bebé deve essere “rispondente alle specifiche tecnico-costruttive e funzionali”. E quali sono queste specifiche lo stabilirà un “decreto del ministero dei Trasporti”. Il fatto è che questo decreto non c’è e, fin quando non arriva, non c’è nessun obbligo di seggiolino anti-abbandono e quindi niente multa.

In futuro...

Ammettiamo che arrivi il decreto. Dopo il decreto, dovrà passare un certo numero di giorni: sarà quindi obbligatorio usare seggiolini salva-bebé e scatteranno le multe di 81 euro. In caso di recidiva nel giro di 2 anni ci sarà la sospensione della patente da un minimo di 15 giorni a un massimo di 2 mesi.

Il ministero dei Trasporti ha fino a 60 giorni per emanare il decreto contenente le specifiche tecniche del seggiolino salva-bebé. Ci saranno poi altri 120 giorni prima che scatti l’obbligo. Se tutto andrà bene, l’obbligo sarà effettivo entro il 1° luglio 2019, con le multe che scatteranno dalla stessa data. Ma il termine fissato dalla legge è indicativo, non perentorio.

Quale seggiolino comprare

Il decreto fisserà le specifiche tecniche del seggiolino salva-bebé. Quindi, oggi non è possibile comprare il seggiolino anti-abbandono che sarà imposto per decreto. Appena queste specifiche verranno rese note, i genitori potranno comprare il seggiolino con i parametri esatti.

Non si può neppure sapere se, comprando un seggiolino normale oggi, sia possibile aggiungere un dispositivo after market domani, sarà il decreto a dirlo. Morale: ieri come ora, il genitore deve comprare un seggiolino tradizionale, omologato dal ministero; non è ancora obbligato ad acquistare quello con il dispositivo anti-abbandono.