La 63 S 4MATIC+ ha stabilito il nuovo record davanti alla Jaguar XE SV Project 8. Ma è battaglia aperta

Jaguar attacca, Mercedes risponde. Il terreno di caccia è sempre lo stesso, quel ‘Ring che, al centro della Foresta Nera, ha visto stabiliti recentemente i record assoluti di Porsche 911 GT2 RS e Lamborghini Aventador SVJ. L’ultimo record è stato siglato dalla Mercedes-AMG GT Coupé4 portata in pista da Demian Shaffert che, con un tempo di 7:25:41, si è piazzata subito dietro la Jaguar XE SV Project 8 (7:21:23) ma ha stabilito comunque il record di quattro posti più veloce del Nurburgring. Perché? Ve lo spieghiamo qui.

La Jaguar è pronto-corsa

La sportiva di Affalterbach rientra di diritto nella categoria delle quattro posti. Anche la Jaguar, direte voi. Ma non è così. A differenza della AMG - che ha girato in allestimento standard -, la XE SV Project 8 ha stabilito il tempo equipaggiata con il Track Package, un pacchetto specifico per la pista che, oltre a non prevedere i due posti posteriori, abbatte significativamente i pesi grazie all’utilizzo di materiali racing e soluzioni dedicate.

Per questo non può essere considerata una quattro posti, ma una berlina, categoria per la quale detiene ancora il record davanti all’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e alla BMW M4 GTS. La palla passa adesso alla Jaguar che, con una Project 8 a quattro posti, avrà la possibilità di rimettersi davanti alla tedesca sfruttando un vantaggio sulla carta di circa 4 secondi.

V8 biturbo da 639 CV

Quello che è certo è che nonostante la Mercedes-AMG GT Coupé4 sia scesa in pista in allestimento di serie ha comunque tutto quello che le occorre per mettersi dietro rivali ben più blasonate. Sotto il cofano batte infatti un V8 da 4.0 litri biturbo da 639 CV e 900 Nm di coppia in grado di spingere la macchina da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi (velocità massima di 315 km/h) anche grazie all’aiuto della trazione integrale 4MATIC+ e al cambio automatico a doppia frizione a nove rapporti. Per aumentare l’agilità tra i cordoli e su strada offre inoltre l’asse posteriore sterzante e il differenziale elettronico posteriore.

Fotogallery: Mercedes-AMG GT Coupé4, il record al Nurburgring