Il marchio spagnolo è il primo. Seguiranno e breve Audi e Skoda. Ecco come funziona e chi lo può utilizzare

La febbre Alexa ha ormai contagiato anche l’Italia. Dopo anni di attesa, l’assistente vocale di Amazon è sbarcata nel Bel Paese con i suoi altoparlanti intelligenti, in grado di attivarsi tramite comandi vocali dati con linguaggio naturale, come avviene con Google Home e HomePod di Apple. Uno strumento nato per la domotica – la gestione della casa tramite sistemi informatici – salito a bordo delle auto e pronto ad accompagnare anche gli automobilisti italiani alla guida di una Seat. La Casa spagnola infatti è stata la prima a portare in Europa (Germania e Regno Unito) Alexa e ora tocca anche a Italia, Francia e Spagna.

Come funziona Amazon Alexa in auto

Prima di tutto un paio di avvertenze. La prima: Amazon Alexa è disponibile unicamente per le Seat Ibiza, Arona, Leon, Ateca e Tarraco. Su Leon, Ateca e Tarraco è già operativa, basta avere il sistema di infotainment Navigation System High. Ibiza e Arona invece devono ancora ricevere il modulo optional, chiamato WLan e dal costo di 200 euro, in arrivo nelle prossime settimane. Coi modelli attualmente a listino quindi non potete conversare con Alexa.

Seconda avvertenza: per utilizzare Amazon a bordo delle Seat , bisogna avere uno smartphone Android. Se in tasca avete un iPhone… beh, dovete portare pazienza e attendere notizie da Cupertino.

Risolta la questione compatibilità, non bisogna fare altro che andare su Google Play e scaricare la app Seat Media Control (la app aggiornata arriverà a breve sullo store). Il passaggio successivo prevede che saliate a bordo e colleghiate il vostro smartphone al sistema di infotainment tramite connessione senza fili. 

Da qui basterà premere il pulsante per i comandi vocali e chiedere ad Alexa, ad esempio, di impostare il navigatore per portarci in un determinato luogo, cambiare canzone o darci le previsioni meteo. Un insieme di comandi per gestire unicamente il sistema di infotainment: Amazon Alexa infatti non permette (ad esempio) di gestire il climatizzatore o altre funzioni avanzate.

La casa in auto (e viceversa)

Di contro si potranno gestire alcune funzioni della propria casa, naturalmente se avete un Amazon Echo (l’altoparlante smart compatibile con Alexa) anche nella vostra abitazione e questa è predisposta per la domotica. Fa caldo e volete entrare in casa accolti da un bel fresco? Basta chiedere ad Alexa di accendere il condizionatore di casa, oppure di aprire la serranda del box.

L’auto diventa così sempre più semplice a uno smartphone su ruote, perennemente connessa e in grado di dialogare con altri oggetti, interni o esterni ad essa. È l’internet of things e rappresenta il futuro della mobilità, con il 5G come condizione necessaria perché il tutto funzioni a puntino.

E le altre Case automobilistiche?

Come sappiamo, all’interno della galassia Volkswagen, Seat è il brand incaricato di sviluppare nuove tecnologie per la connettività e l’integrazione di Amazon Alexa è solo uno degli ultimi esempi. Alla Casa spagnola di accoderà Skoda, pronta ad ospitare l’assistente vocale in Italiano sui propri modelli nei prossimi mesi.

La Casa madre Volkswagen non ha ancora rilasciato comunicati ufficiali, ma è facile pensare come anche lei seguirà l’esempio delle “cugine”, con la possibilità di parlare in italiano con Alexa nel corso del 2019. C'è poi Audi, con la e-tron (il SUV elettrico) già pronto a viaggiare in sua compagnia.

Seat Amazon

Lo stesso discorso varrà per le altre Case che già offrono la possibilità di utilizzare Amazon Alexa a bordo dei propri modelli negli altri paesi, europei e non. Anche in questo caso non ci sono dichiarazioni ufficiali, ma è facile immaginare come a BMW, Hyundai e Toyota – giusto per fare qualche esempio – basti aggiornare la propria app per portare Alexa in Italia.

Discorso diverso per FCA (Alfa Romeo, Fiat, Jeep e Lancia), che né al di qua né e al di là dell’Oceano produce modelli compatibili con l’assistente vocale di Amazon.

Aspettando Echo Auto...

Prepariamoci quindi a una vera e propria invasione da parte dell’assistente vocale del colosso fondato da Jeff Bezos, non solo a bordo dei modelli più moderni. Con Alexa in italiano infatti è facile che arrivi (quando sarà pronto al 100%) anche Echo Auto, la cassa smart per rendere connessi anche i modelli più vecchi o non ancora compatibili.

seat amazon

Si tratta di un progetto ancora in corso d'opera, che consiste in un piccolo scatolotto nero con 8 microfoni che si collega via blutetooth al proprio smartphone e tramite jack da 3,5 mm all’auto, per connetterlo a internet e far sentire la propria voce tramite le casse dell’impianto stereo.

Così si possono impartire comandi, dettare promemoria e chiedere indicazioni stradali utilizzando la voce, utilizzando i servizi di mappe (le Mappe di Apple, Google Maps, o Waze) installati sul proprio smartphone.

Fotogallery: Il mondo Amazon Alexa