Nel corso di un’intervista alla rivista L'Automobile, il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare riconosce l’esigenza di rinnovare il parco circolante

“Le auto elettriche rappresentano uno dei migliori sostituti alle auto maggiormente inquinanti”: parola del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa, nel corso di un’intervista alla rivista L’Automobile. Insomma, per la macchina a batterie forse è il momento buono. Il condizionale è d’obbligo, visto che per mettere in atto la promessa del Ministro ci vogliono dei soldi, ma è già un punto di partenza. E non è l’unico di questo Governo, a quanto pare. 

Incentivi per svecchiare il parco circolante

Ben vengano le elettriche, ma non è un mistero che, almeno per ora, non possono rappresentare un’alternativa vera all’auto con motore endotermico, soprattutto per quelle famiglie che non possono permettersi la seconda auto. Ecco perché, sempre il Ministro Costa ha aperto la porta allo stanziamento di incentivi per la rottamazione di auto Euro 3 e classi inferiori.

Un lavoro di squadra

Se dovesse davvero andare in porto, il provvedimento coinvolgerebbe anche altri ministeri, come afferma lo stesso Ministro Costa: “Il mio Ministero è promotore di accordi con gli altri Ministeri coinvolti per la ricerca di una soluzione ottimale”. Insomma, se non si tratta di una vera e propria promessa, poco ci manca.

E c’è da sperare che trovino attuazione concreta, non come gli annunci del predecessore di Costa, ovvero Gian Luca Galletti, il quale a sua volta aveva aperto la porta alla possibilità di incentivare la rottamazione delle auto più inquinanti.