Il fuoristrada torna nel libro dei Guinness (è la terza volta) grazie a un'impresa di gruppo

Richard Hammond ha scoperto in una vecchia puntata di Grand Tour cos'è in grado di fare il Nissan Patrol, che dopo le cure di un tuner ha stracciato in una gara d'accelerazione nientemeno che la Porsche 918 Spyder guidata dal conduttore. E' anche per sfide come questa se il fuoristrada giapponese è diventato un vero e proprio mito, in particolare nei paesi arabi, dove il Patrol ha un lungo seguito di appassionati. Per alimentare questa “reputazione” il costruttore giapponese ha fatto conquistare al suo fuoristrada un nuovo record del mondo, schierando 180 vetture nella più grande figura a muoversi in sincrono.

Stracciato il vecchio record

Nissan ha richiamato 180 proprietari dell'auto nello stadio Dubai Rugby 7 di Dubai, dov'è stata tracciata la sagoma di un falco, l'animale simbolo dell'emirato arabo (era largo 225 metri e alto 176).

Le auto partecipanti hanno iniziato a muoversi seguendo la traccia sul terreno e hanno dato origine così ad una figura “animata”, battendo un record in cui altri si erano già cimentati: i 180 veicoli coinvolti sono 36 in più del vecchio primato. Il primato serve a pubblicizzare l'arrivo nei concessionari delle serie speciali Falcon, Gazelle e Gazelle-X, riservate solo al Medio Oriente.

Presenza fissa

Dietro al progetto di questo curioso record c'è la divisione della Nissan per il Medio Oriente, che già in passato si era messa in luce con altre imprese originali: a settembre 2015 aveva fatto diventare la Patrol l'auto più veloce ad aver mai “scalato” i 100 metri di una duna e due anni prima aveva utilizzato sempre una Patrol per trainare un aereo cargo.

Alla casa giapponese interessano però altri record, come quello di vendite, visto che il fuoristrada ha visto aumentare le sue consegne in Medio Oriente di quattro volte fra il 2011 e il 2017.

Fotogallery: Nissan Patrol, la danza sincronizzata da record