Su impulso del Governo le tre principali case tedesche daranno 3.000 euro ad automobilista, per cambio auto o retrofit

I costruttori tedeschi metteranno mano al portafoglio per andare incontro ad alcuni proprietari di auto diesel residenti nelle città più inquinate della Germania, che riceveranno un bonus per l'acquisto di una vettura nuova o interventi dello stesso valore per rendere meno inquinante il motore. E' quanto emerso al termine di un incontro fra il Ministro dei Trasporti tedesco Andreas Scheuer ed i rappresentati delle case tedesche, che si sono dati appuntamento al termine di un periodo difficile, dopo l'appello della Cancelliera Angela Merkel a far diminuire le emissioni delle auto meno recenti ed i via libera concessi dalle Corti allo stop dei vecchi diesel in 15 grandi città del Paese.

3.000 euro per auto

Per Scheuer non è stato facile mediare fra le richieste delle BMW, Daimler (il gruppo di cui fa parte la Mercedes) e Gruppo Volkswagen, i tre principali costruttori tedeschi, tanto è vero che ci sono state divisioni.

Pesano in particolare le discordanze fra le Daimler-Volkswagen e la BMW: i primi due sono favorevoli anche al cosiddetto retrofit, ovvero l'aggiornamento retroattivo del motore, mentre la casa dell'Elica ha proposto che una somma analoga al costo del retrofit (3.000 euro) venga concessa sotto forma di sconto ai clienti che vogliono liberarsi di una vecchia auto diesel per una nuova.

Scheuer si è esposto affinché le auto dei clienti non perdano valore, in particolare considerando che in Germania sono attivi i blocchi anche per le auto della classe Euro 5, quindi ancora relativamente giovani (la normativa Euro 5 è stata in vigore fra il 2008 e il 2014).

“Salvo” un diesel su cinque

Ad aver il coltello della parte del manico sono in questa fase alcune amministrazioni cittadine, che su indicazione delle sentenze di alcune corti hanno inasprito i blocchi del traffico a scapito delle auto diesel. Ciò avviene in quindici delle principali città del paese, a partire da Amburgo, e riguarda un numero enorme di persone: stando alla Reuters, infatti, delle 15 milioni di auto a gasolio registrate in Germania soltanto 2,7 milioni rispondono alla normativa Euro 6.

Il governo di conseguenza ha chiesto alle case automobilistiche di intervenire, sebbene una soluzione al problema sembri ancora lontana. I vecchi motori diesel emettono quantità maggiori di ossidi d'azoto, sostanze inquinanti cancerogene per l'uomo, ma producono meno anidride carbonica (dannosa per l'ambiente) dei benzina.

Fotogallery: Mercedes EQC