Pista, box e paddock ma anche tanto altro. Vi portiamo a fare un giro nel cuore del reparto Squadra Corse di Sant'Agata Bolognese in occasione delle Finali Mondiali

Ok, non sarà più di proprietà italiana, ma Lamborghini è uno di quei gioielli nostrani di cui tutti dobbiamo essere fieri, non solo per la tecnica e la professionalità di tutti coloro che lavorano a Sant’Agata Bolognese nella creazione di Aventador, Huracan e Urus, ma forse soprattutto per la passione che mettono nel loro lavoro e tutte le emozioni che sono in grado di regalarci.

Emozioni che abbiamo vissuto appieno alle Finali Mondiali Lamborghini 2018.

La pista prende vita

Scoppiettii, odore di gomme consumate e di freni andati, un rombo sempre presente in sottofondo: Vallelunga è diventata una grande arena dove i toreador hanno condotto i loro Tori in pista, tra cordoli e rettilinei a tutta velocità.

Un momento di grande competizione ma allo stesso tempo di festa, in particolare per Squadra Corse, la divisione motorsport di Lamborghini che ogni anno celebra l’amore per la velocità e che, quest’anno, ha lasciato tutti a bocca aperta con la magnifica one-off SC18 Alston.

Tutto un mondo da scoprire

Un brand non è solo un logo, è un universo di sensazioni, che alle Finali Lamborghini si respirano a 360°. Non solo Aventador, Huracan e Urus, perché c’è un mondo che si muove insieme ai Tori di Sant’Agata, fatto di lusso e di esclusività.

Pirelli, per esempio, con i suoi P Zero che esaltano le prestazioni delle supercar, o ancora Roger Dubuis, azienda ginevrina specializzata in orologi e cronografi di altissima fattura, legata a Lamborghini da un lungo sodalizio sfociato nell’Excalibur Aventador S, ispirato allo stile dell’ammiraglia V12 e in vendita a oltre 200.000 euro.

C'è anche lo smartphone Lamborghini

E chi una Lambo la vuole portare in tasca può scegliere il nuovo Oppo Find X Automobili Lamborghini Edition, lo smartphone di alta gamma che per primo presenta la fotocamera a scomparsa nella parte superiore, in modo da lasciare tutta la superficie utile allo schermo, e una ricarica super veloce che lo porta dallo 0 al 100% in 35 minuti. Veloce quanto una Lambo, insomma, e infatti il prezzo di 1.700 euro circa. Come dire, la supercar degli smartphone.

Fotogallery: Finali Mondiali Lamborghini 2018