I brand di lusso abbracciano il trend delle carrozzerie rialzate e spingono anche i marchi "normali" a pensare a SUV di prestigio

Belli, per molti, e dannati, quasi da tutti. I famigerati SUV, sono il nuovo amore anche dei marchi premium che non hanno più "remore" a mettere in gamma una carrozzeria rialzata, creando a loro volta il (sub) segmento dei Super SUV.

Ha iniziato Porsche, qualche tempo fa con la Cayenne e poi a seguire:  Maserati con la Levante, Jaguar con la F-Pace, ma non si sono fatti attendere molto i marchi di gran lusso con modelli come Bentley Bentayga e Rolls-Royce Cullinan e poi gli sportivi, prima fra tutte Lamborghini Urus (che ora ha istituito anche un trofeo con le ST-X) e ora arriveranno anche l'Aston Martin DBX e perfino Bugatti ha affermato che “potrebbe” costruire un SUV.

Chi manca all'appello?

Un nome eccellente è sicuramente quello di Ferrari che dopo un tira e molla iniziale sembra essersi quasi convinta a costruire un modello a ruote alte. Il nome, come sappiamo, già c'è ed è Purosangue. Una scelta che porterebbe il Cavallino, addirittura, a raddoppiare le vendite annuali portandole fino a 14mila. Ma per ora sono solo piani, ancora nulla di concreto. Chi, invece, resiste gloriosamente è McLaren: “non sono contro i SUV. Semplicemente non sono quello che McLaren fa". Ha dichiarato qualche mese fa, ad Automotive News, Mike Flewitt, ad del Brand.

Effetto super SUV

Oltre al logico aumento (programmato o effettivo) delle vendite che, per esempio, ha visto anche Lamborghini, grazie a Urus, rimodellare il suo obbiettivo annuale fino a 7.000 unità, con stime che la vorrebbero arrivare fino a 10mila, un fenomeno interessante è quello accennato all'inizio. La scesa in campo dei cosiddetti luxury brand ha, di fatto, creato un nuovo segmento che sta per essere abbracciato anche dai, "comuni" marchi premium come Mercedes-Benz o Audi che stanno pensando di mettere in campo versioni esclusive di SUV a brand Maybach o Horch.

Maybach SUV Ultimate Luxury

Evoluzione o resa?

Ma cosa spinge un marchio affermato per ben altri tipi di creazioni a cimentarsi nella progettazione di un SUV? La risposta più ovvia quanto la più semplice è: il mercato. I SUV piacciono, il mondo degli acquisti delle auto si sta evolvendo e chi saprà intercettare queste evoluzioni ne beneficerà sicuramente. I brand di lusso o super sportivi hanno imparato la lezione e quindi si stiano dirigendo verso le carrozzerie rialzate anche per conquistare nuovi mercati, primo fra tutti la Cina, dove i SUV riscuotono un grande successo.

Ma la "SUV mania", si inserisce in un discorso più ampio chiamato diversificazione. Un'evoluzione quiidi più che una semplice resa al mercato. Nei piani, per esempio, di Aston Martin vi è il progetto di lanciare nel 2020 un’auto di media cilindrata che la porterebbe a superare, in vendite, Ferrari e McLaren.

Mentre l’anno successivo arriverebbe il primo esemplare della nuova gamma Lagonda elettrica. Lamborghini, dal canto suo, ha dichiarato di voler tornare sul mercato, per la prima volta dopo la Espada, con una 2+2. E in quest'ottica i super SUV sarebbero un traino perfetto.

Fotogallery: La carica dei Super SUV