Firmata da un artista portoghese la singolare opera è il simbolo della città in movimento

Quante volte abbiamo giudicato un auto come un vera propria opera d’arte? Succede per modelli storici di indiscussa bellezza estetica, ma anche per quelli più recenti, magari per l’innovazione che apportano nel design o nella tecnologia. Alexander Farto, un artista portoghese conosciuto anche come Vhils, ha deciso, così di trasformare un’auto in una vera è propria scultura, ha scelto la Seat Arona e ha utilizzato materiali come cemento, acciaio, silicone e fibra di vetro per realizzare la sua opera esposta ora al museo di Arte Contemporanea di Cascais.

Seat Arona, una scultura con 15 t di cemento

Un omaggio al design dell'auto

"Volevo qualcosa che immortalasse il design di un’auto",  ha spiegato l'artista che per realizzare la sua opera ha impiegato 15 tonnellate di cemento. Vhils, per preparare la gettata ha lavorato tre mesi sul modello 3D nello stesso modo in cui procedono i designer dell’auto, prima schizzi su carta e poi il passaggio a una struttura virtuale.  La sfida però stava nel realizzare l’opera in un materiale difficile da “trasformare”. Si è scelto il cemento sostenuto da elementi in fibra di vetro e silicone racchiusi da una struttura in acciaio, mentre le ruote sono state realizzate separatamente.

L'evoluzione continua

Il frontale della scultura riprende in tutto e per tutto quello della Seat Arona, mentre il posteriore è caratterizzato da un'astrazione di elementi orizzontali che incorniciano un grande occhio e che simbolizzano l’importanza di "saper guardare". Vista da lontano questa unione di elementi dà anche la sensazione di movimento e velocità. “Sono molto orgoglioso di questa mia creazione -  ha dichiarato Vhils - non tanto per la complessità della realizzazione, quanto per la sua capacità di resistere al tempo e di fossilizzate la relazione fra la città e i suoi abitanti”.

Fotogallery: Seat Arona, un scultura in cemento