In un anno ben 600 vittime tra gli utenti della strada più deboli: +5,3%

Continua la strage di pedoni in Italia: nel 2017, ben 600 vittime tra gli utenti della strada più deboli. Su un totale, indica l’Asaps (Amici Polstrada), di 3.378 morti negli incidenti stradali. È vero che nel 1986, anno peggiore di sempre, i pedoni morti sono stati addirittura 1.179, ma quota 600 è inaccettabile per un Paese civile. E comunque rispetto al 2016 c’è un peggioramento del 5,3%. Ma non è sempre colpa di chi guida, ci sono stati casi in cui il colpevole è risultato il pedone o di doppia responsabilità.

Pedone distratto

Tuttavia, spiega l’Asaps, anche i pedoni possono avere colpe, come accaduto in 4.718 sinistri (di cui 4.435 in ambito urbano). I decessi di pedoni colpevoli di averlo provocato sono stati ben 145. Tra le principali cause l'attraversamento irregolare in 85 casi, altre 20 volte il pedone camminava in mezzo alla strada, in 15 casi attraversava improvvisamente da dietro un veicolo in sosta, 11 decessi perché non veniva rispettato il semaforo o l'agente.

Esistono poi i casi di doppia responsabilità di conducente del veicolo e del pedone: 2.179 sinistri, con 108 decessi. Sino al caso limite analizzato qualche giorno fa dalla Cassazione: un pedone ubriaco e drogato che è stato investito da un automobilista perfettamente sobrio. I giudici hanno ritenuto colpevole in parte anche la persona a piedi, dall’andamento incerto, che è sbucato d’improvviso davanti al guidatore.

Guidatore nel mirino

In 10.127 incidenti con il coinvolgimento di pedoni, il colpevole è risultato essere il conducente del veicolo che ha investito la persona: un guidatore magari distratto dall’uso improprio dello smartphone, oppure in stato alterato da alcol o droghe. Su quali strade? In città 9.805 eventi con 251 decessi, mentre sulle extraurbane 322 sinistri con 40 morti.

Quali veicoli

L’auto è il mezzo che ha investito il pedone in 457 casi, seguita dall’autocarro con 74 morti, e dalla moto con 46 decessi. Colpevoli anche autobus e tram con 12 morti, ma attenzione: in un caso mortale il veicolo investitore è stata una bicicletta. Senza dimenticare che le bici hanno provocato 387 feriti fra le persone a piedi.