Il numero uno del gruppo tedesco parla di “negoziati avanzati” con la Casa dell’Ovale Blu

Accelera il cammino verso l’alleanza globale tra Ford e Volkswagen, annunciata lo scorso mese di giugno e fino ad ora priva di azioni concrete e strategiche. A parlare di “negoziati avanzati” con la Casa dell’Ovale Blu per la costruzione di questo maxi accordo automobilistico è lo stesso CEO di Volkswagen, Herbert Diess, a margine di un incontro con il presidente USA Donald Trump.

Condivisione di pianali in Europa e di stabilimenti negli USA

Diess preannuncia poi la possibilità di utilizzare gli stabilimenti Ford americani per la produzione di modelli Volkswagen e l’idea di realizzare un secondo impianto VW negli Stati Uniti, dopo quello di Chattanooga, Tennessee. Altra finalità dell'intesa è quella di condividere le "piattaforme produttive" fra Ford e Volkswagen in Europa, ovvero mettere in comune i pianali delle auto. Al momento non ci sono invece commenti di Ford a quanto detto dal numero uno di Volkswagen, mentre i dettagli dell’accordo saranno resi pubblici a gennaio 2019.

I Dazi di Trump preoccupano

Il nuovo impulso dato alla nascita dell’alleanza Ford-Volkswagen, almeno nelle dichiarazioni d’intenti, è dovuto alla necessità di dare le giuste risposte alla presidenza degli Stati Uniti che continua a minacciare dazi sulle auto delle Case europee. Dall’accordo resta comunque escluso lo scambio azionario fra i due colossi industriali, mentre lo sviluppo dell’auto elettrica resta uno degli obiettivi principali dell’alleanza, sia al di qua che al di là dell’Atlantico.