Si chiama FCEV Vision 2030 ed è la visione della Casa coreana di un futuro ricco di idrogeno

Nonostante alcuni esperimenti anche famosi (vi ricordate di questa BMW?) l'idrogeno e le celle a combustibile non hanno mai davvero conquistato le Case, figurarsi gli automobilisti. Da oggi, però, le cose potrebbero cambiare: Hyundai ha infatti annunciato, con la sua FCEV Vision 2030, di aver intrapreso una road map verso un uso più molto più "libertino" e allargato dell'idrogeno. 

A tutto gas verso l'idrogeno

Secondo le stime Hyundai, infatti, nel prossimo futuro la domanda di unità fuel cell aumenterà fino a quota 2 milioni all'anno. Il percorso, già iniziato con la Hyundai Nexo, SUV con motore elettrico alimentato a celle di combustibile, prevede piani ambiziosi: il Gruppo coreano incrementerà in maniera importante la capacità produttiva di sistemi a cella di combustibile fino ad arrivare a 700.000 unità all’anno nel 2030. 

Hyundai Nexo FCV

Non solo auto

Di queste, 500.000 saranno vetture. Le restanti 200.000 sono, per dirla alla Hyundai, "nuove possibilità di business". Ovvero, il gruppo coreano intende diventare fornitore di sistemi fuel cell ad altre realtà del mondo dei trasporti, come produttori di automobili, droni, navi, treni e muletti. Senza dimenticare i settori della generazione e dello stoccaggio di energia.

Per intraprendere la FCEV Vision 2030, Hyundai ha messo sul piatto circa 7,6 trilioni di won coreani, da destinare principalmente alla ricerca e sviluppo nel mondo dell'idrogeno. Ciò significa che il Gruppo, entro il 2030, creerà all'incirca 51.000 nuovi posti di lavoro. Un viaggio verso il futuro già iniziato con l'inaugurazione della seconda fabbrica Hyundai Mobis Co. a Chungju (Corea del Sud)., affiliata Hyundai, che aumenterà la produzione dei sistemi fuel cell fino a 40.000 unità entro il 2022.

Fotogallery: Hyundai Nexo