Si pagherà da 160 g/km, mentre il tetto per l'ecoincentivo si abbassa a 4.000 euro se non c'è un'auto da rottamare

La premessa è doverosa: non c'è ancora nulla di certo. Ma, con tutta probabilità, l'emendamento spuntato questo pomeriggio su Ecotassa ed ecobonus 2019 sarà quello definitivo. In ogni caso, l'ultima parola verrà detta dal Senato venerdì 21 dicembre. Nell'attesa, ecco tutto quello che sappiamo sulla manovra.

Si paga da 160 g/km

L'ecotassa – valida dal 1 marzo 2019 al 31 dicembre 2021 e solo per le auto nuove e immatricolate a partire dal 1° gennaio 2019 – è confermata per i veicoli che emettono almeno 160 g/km di CO2 (qui la lista), e sale in modo progressivo, secondo questo schema. Da 161 a 175 g/km si pagano 1.100 euro, da 176 a 200 g/km 1.600 euro. Diventano 2.000 da 201 a 250 g/km e 2.500 euro oltre i 250 g/km. La tassa, che si paga una tantum, all'acquisto del mezzo, non si applica a chi acquista camper, caravan, auto funebri e auto per portatori di handicap.

CO2 - g/km Imposta (euro)

161-175

1.100
176-200 1.600
201-250 2.000
>250 2.500

Più sconto con la rottamazione

L'ecobonus riguarda le auto con emissioni fino a 70 g/km e prezzi di listino inferiori a 54.900 euro (IVA inclusa). Il meccanismo, però, viene modificato dall'aggiunta della rottamazione. Liberandosi di un'auto vecchia (Euro 0,1,2,3,4 e intestata alla persona che acquista la nuova o a un suo familiare convivente) vengono omaggiati 6.000 euro per auto nuove che emettono tra gli 0 e i 20 g/km e 2.500 euro per auto tra i 21 e i 70 g/km. Se invece non si rottama, il tetto massimo di ecobonus scende rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro.

CO2 Bonus con rottamazione Bonus senza rottamazione

0-20 g/km

6.000 euro 4.000 euro
21-70 g/km  2.500 euro 1.500 euro

 

Per le coperture, il Governo ha stanziato 60 milioni di euro per il 2019 e 70 milioni per il biennio 2020 e 2021. Infine, non manca un incentivo per chi acquista una wall-box non accessibile al pubblico, sotto forma di detrazione al 50% su un importo fino a 3.000 euro (tra il 1 marzo 2019 e il 31 dicembre 2021).