4.000 euro di incentivo per le elettriche (6.000 con rottamazione), 1.500 euro per le ibride (2.500 con rottamazione)

Ecobonus 2019: il Governo ha approvato la misura definitiva, (che comprende anche l'Ecotassa) confermando i 6.000 euro per chi compra un’elettrica e, contestualmente, rottama una vecchia auto Euro 1, 2, 3, 4 (curiosamente, non le Euro 0). Se non si possiede un’auto da rottamare, invece, l’agevolazione scende a 4.000 euro.

CO2 Bonus con rottamazione Bonus senza rottamazione

0-20 g/km

6.000 euro 4.000 euro
21-70 g/km  2.500 euro 1.500 euro

Incentivi anche per le ibride

L’incentivo cala a 1.500 euro per chi compra un’auto nuova con emissioni comprese tra 21 e 70 g/km di CO2; con la rottamazione, il bonus sale a 2.500 euro. In tutti i casi (che si compri un’elettrica o un’ibrida, che si abbia un’auto da rottamare oppure no), non si applicano sconti a chi sceglie una macchina di prezzo pari o superiore a 54.900 euro IVA inclusa.

 

Non ci sono soldi illimitati

Come in casi precedenti, anche l’Ecobonus 2019 ha uno stanziamento limitato: 60 milioni di euro per il 2019 e 70 milioni per gli anni 2020 e 2021. Quanto alla rottamazione, l’auto da eliminare - per godere del bonus - dev’essere intestata alla medesima persona che compra la macchina nuova, o al massimo a un suo familiare, convivente. Tecnicamente, il bonus verrà corrisposto sotto forma di riduzione del prezzo di acquisto, direttamente dal venditore. Quest’ultimo verrà rimborsato dalla Casa che, a sua volta, recupererà l’importo sotto forma di credito d’imposta.

Agevolazioni anche per le colonnine casalinghe

Da non dimenticare l’agevolazione sull’acquisto di una wall box privata (non adibita a uso pubblico). Inoltre, le spese inerenti la posa in opera di un’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici potranno essere detratte nella misura del 50% (l’importo viene dilazionato in dieci quote annuali), per un importo massimo, documentato e sborsato fra l’1 marzo 2019 e il 31 dicembre 2021, pari a 3 mila euro di spesa documentata.