In occasione dei suoi 50 anni riviviamo il meglio della sua carriera in Formula 1

Michael Schumacher compie oggi cinquant'anni. Ricorrenza speciale, non fosse altro che, per tutti i suoi Tifosi, Michael è stato l'emblema di un'epoca d'oro per Maranello e la Ferrari. 

Lui, che da nemico sempre al limite con quella Benetton di Flavio Briatore, aveva conquistato due titoli mondiali in Formula 1, divenne il portabandiera più amato in quel di Maranello. 

Timido e riservato, non parlava italiano per paura di non esser capito al meglio. Algido e glaciale in pista, si commosse in mondo visione quando, nel 2000, raggiunse a Monza il traguardo delle 41 vittorie di Ayrton Senna, suo rivale e maestro. 



Già, proprio Ayrton, che in lui aveva visto la stoffa del fenomeno, lo rese uomo a Magny Cours con una ramanzina che divenne per Michael lezione di vita e lo rese uomo oltre che pilota. Due destini beffardi i loro: il primo consegnato all'immortalità da quella maledetta domenica di maggio del 1994, il secondo per quell'incidente maledetto di Maribel, che gli ha offerto una vita sospesa tra le mura domestiche, circondato dalla privacy e dall'affatto della sua famiglia. 

Cinquant'anni compie oggi Schumi, ricorrenza ideale per ripercorrere alcune delle sue più belle imprese in Formula 1.