Clarion presenta al CES la chiamata a lungo-raggio

Le auto che si parcheggiano da sole e poi raggiungono il proprietario dove lo desidera sono sempre più reali. Qualcosa di simile già si vede ad Amburgo, in Germania, dove all'aeroporto ci sono Volkswagen, Audi e Porsche che si muovono da sole grazie a speciali marker, e a Pechino, in Cina, dove si sta sperimentando l'Automated Valet Parking, un sistema di parcheggio automatizzato creato da Daimler e Bosch. Ma non sono solo le case auto a sviluppare questi sistemi (pensiamo anche alla Audi A8: schiacci un pulsante e parcheggia da sola).

La Clarion, famosa nel settore dei sistemi audio ed elettronici di bordo, presenta al Consumer Electronics Show 2019 di Las Vegas il suo sistema di recupero automatico a distanza dell’auto. Si chiama “Long-Range Summon” e combina diverse tecnologie: dal riconoscimento ambientale al controllo delle informazioni sulla posizione, passando per il controllo di freni e altri componenti sviluppato da Hitachi Automotive Systems.

Come funziona la chiamata a lungo-raggio

Quando l'auto viene parcheggiata, il sistema “Long-Range Summon” registra l'ambiente circostante, il percorso e le informazioni esterne relative all'area. Successivamente, per recuperare la macchina basta lo smartphone (il recupero automatico si avvia basandosi sulle informazioni della posizione dello smartphone e delle informazioni sul veicolo).

L’itinerario viene calcolato in base alla tecnologia "sensor fusion" (che evita anche eventuali ostacoli) e il veicolo viene automaticamente guidato dall'area di parcheggio alla posizione in cui l'utente sta aspettando.

Il parcheggio è solo il primo passo

Oltre al sistema di parcheggio remoto che consente agli utenti di utilizzare lo smartphone per parcheggiare autonomamente i mezzi, Clarion e Hitachi Automotive Systems hanno sviluppato quello "Park by Memory" che registra e riproduce gli ambienti circostanti e i percorsi delle aree parcheggio, ad esempio gli spazi residenziali, per parcheggiare in maniera autonoma il veicolo.

E se già la chiamata dell'auto è una comodità alla quale nei prossimi anni potremo abituarci, la tappa successiva è quella di aggiungere funzioni di gestione, come il monitoraggio di altri veicoli e di operatività. Insomma, il controllo a distanza della macchina a 360 gradi, qualcosa che già alcuni costruttori stanno sviluppando internamente, ma che con il lavoro di aziende come Clarion vedremo applicata su larga scala.

Fotogallery: Clarion Long-Range Summon