Le vendite online di componenti aumentano, ma le auto vere e proprie ancora si comprano in concessionaria

Gli italiani comprano sempre più online. Nel 2018 l'eCommerce ha raggiunto un giro d'affari superiore a 27 miliardi di euro (+16% rispetto al 2017) e anche nel settore auto qualcosa si muove. Parliamo di componentistica e manutenzione, come confermano i dati di Norauto (prima catena di grande distribuzione francese specializzata nella manutenzione e personalizzazione dell'auto, anche online): +87% negli ordini.

L'acquisto vero e proprio della macchina però resta prerogativa delle concessionarie. L'online si conferma fondamentale per orientarsi nella scelta, che poi si finalizza di persona, sebbene ci siano state negli ultimi anni delle iniziative ad hoc.

Toyota e Fiat pionieri nella vendita online

Era il 2015 quando Amazon ha venduto la sua prima auto in Europa, la Toyota Aygo Amazon Edition (cinquanta esemplari a 12.000 euro, con il 22% di sconto sul listino). Poi sono arrivate le Fiat Panda, 500, 500C e 500L.

L’accordo, datato 2016, tra FCA e il colosso dell’e-commerce prevedeva sconti fino al 33% per il cliente e con una partnership tra FCA e Alibaba, nel 2017, Alfa Romeo ha venduto in Cina 350 esemplari di Giulia (al costo di 63 mila dollari l’uno) in appena 33 secondi. Tuttavia, l'acquisto di auto direttamente su Internet deve fare ancora molta strada.

Gli pneumatici sono i più acquistati

Se il negozio rimane al centro dell’attenzione del cliente per la richiesta di informazioni su un determinato servizio o per la selezione più accurata di un prodotto, dai dati offerti da Norauto emerge che l'automobilista, quando può, compra un prodotto direttamente online, nella maggior parte dei casi per risparmiare.

Il prodotto più richiesto sono gli pneumatici (59% degli ordini totali) che rispetto all'anno scorso hanno aumentato le vendite del 69%. Altro dato interessante e significativo è l’incremento del 177% rispetto al 2017 delle prenotazioni dei servizi in officina.