Un SUV a emissioni zero destinato a diventare realtà nel 2021

La promessa è stata fatta già qualche mese fa: dal 2021 in avanti Infiniti produrrà solo ed esclusivamente auto elettrificate. Un passaggio obbligato per tenere il passo dei concorrenti e che viene anticipato, nelle forme e nella meccanica, dalla QX Inspiration, SUV compatto (è lungo 4,65 metri) a emissioni zero presentato al Salone di Detroit.

Una concept che anticipa sia un modello di serie, in arrivo tra un paio d’anni, sia quello che sarà lo stile dei modelli del domani del brand premium di Nissan. Uno stile fatto di forme tondeggianti unite a bordi taglienti, una calandra imponente e senza mascherina – un’auto elettrica non ha motori a combustione da raffreddare – con 2 sottili luci led ai lati.

L’elettrico che lascia spazio

Un nuovo design che nasce proprio dall’elettrificazione, dalla libertà che la disposizione degli organi meccanici di un'elettrica lascia ai designer, per via della sua (relativa) semplicità. Sulla QX Inspiration, come spiegato direttamente dagli uomini Infiniti, prende vita il concetto di giapponese di “MA”, ovvero l'alternanza di vuoto e spazio secondo la cultura orientale. Linee e stile che evolvono quanto mostrato lo scorso anno, sempre a Detroit, dalla Q Inspiration Concept, berlina ibrida e primo esempio del nuovo design Infiniti.

Infiniti QX Inspiration Concept

Il concetto di MA influenza anche l’abitacolo, dove “si possono creare interni spaziosi e lounge”. Spazio dove naturalmente si trovano numerose tecnologie sia per intrattenere, come il super monitor anteriore che corre da montante a montante, sia per aumentare sempre più la sicurezza degli occupanti. Uno spazio che, come amano ripetere sempre più designer e ingegneri, mette l’uomo al centro. Uomo che viene circondato da materiali lavorati artigianalmente, come legno e pelle.

Spazio che si trasforma grazie a volante e pedali che scompaiono quando il guidatore decide di lasciar fare tutto all’auto, godendosi l’abitacolo creato seguendo il concetto di omotenashi, ovvero l’ospitalità giapponese.

“La QX Inspiration segna l'inizio di una nuova era per Infiniti, è un esempio di dove vogliamo andare con il marchio. La tecnologia ci ha dato l'opportunità di evolvere la nostra filosofia di design”. Racconta così la sua nuova creatura Karim Habib, responsabile del design del brand giapponese.

Elettrico ad alte prestazioni

Se ancora adesso per molti “elettrico” fa rima con ecologia ma non con prestazioni, Infiniti vuole ribadire come l’elettrificazione sia perfetta anche per dare ancora più potenza e brio alle auto. Nel caso della QX Inspiration lo scopo viene raggiunto con 2 motori elettrici, uno per asse, alimentati da un pacco batterie potente e in grado di assicurare una percorrenza più che soddisfacente.

Dati tecnici, prestazioni e autonomia rimangono segrete, ma guardando alle concorrenti (Audi e-tron, Jaguar I-Pace, Mercedes EQC e Hyundai Kona Electric) il SUV elettrico dovrebbe poter percorrere circa 400 km con una ricarica.

Alla base c’è una piattaforma completamente nuova, adatta anche a modelli ibridi, anche loro sviluppati guardando principalmente alle performance. Se non sapete fin dove si possa spingere il brand giapponese, provate a guardare la Project Black S, la Q60 da 571 CV con ben 3 motori elettrici uniti al V6 biturbo benzina