La durata è annuale e non prevede il tacito rinnovo. Ricordiamo come funziona e fino a quando si è assicurati

C’è una bufala online che riscuote successo: si può cambiare compagnia Rc auto quando si vuole. In realtà no, non è così: il contratto Rca in essere ha durata annuale, non prevede il tacito rinnovo e finisce alle ore 24 della data di scadenza indicata in polizza senza alcun ulteriore obbligo di comunicazione.

Le garanzie della polizza saranno operanti fino alle ore 24 del 15esimo giorno successivo alla data di scadenza del contratto. Questa estensione di 15 giorni non c'è se, nel frattempo, si stipula una Rca con la nuova compagnia.

Preventivo, cosa succede

Per ottenere un preventivo dalla compagnia, basta fornire targa (e talvolta residenza) alla nuova assicurazione, che si collega a un database e vi fa il preventivo Rc auto. Il contratto Rca è senza tacito rinnovo: finisce automaticamente alla scadenza annuale indicata in polizza. Non dovete dire nulla all'assicuratore né firmare disdette o inviare fax.

Di solito, la vecchia assicurazione invia (nei 30 giorni prima della fine del contratto) una proposta per l'annualità successiva: l’automobilista parte da quel nuovo prezzo per scaricare da Internet il maggior numero di preventivi Rca da mettere a confronto.

Quale possibile futuro

È vero invece che c’è un disegno legge sulla Rc auto: l’obiettivo è consentire all’automobilista di lasciare la compagnia quando si vuole. Un po’ come avviene con le compagnie telefoniche: si sceglie il gestore migliore in qualsiasi momento, portando con sé il solo numero di targa. Così, almeno in teoria, la concorrenza dovrebbe essere favorita, e i prezzi dovrebbero scendere.