L’azienda italiana presenta la terza generazione di Smart Corner

Le auto a guida autonoma sono ormai una realtà. I produttori si muovono in questa direzione già da qualche anno e non sono i soli. E' una nuova frontiera che coinvolge anche la componentistica. Lo sa bene Magneti Marelli che, dopo aver ricevuto il premio “CES 2019 Innovation Award Honoree” a Las Vegas, porta anche al Salone di Detroit (14-27 gennaio) la terza generazione dello Smart Corner.

La tecnologia incontra il design

Questa tecnologia inserisce all’interno dei fari a LED tutti i sensori necessari per la guida autonoma, come telecamere, LiDAR, radar e ultrasuoni, insieme a tutte le ultime novità delle soluzioni di illuminazione a LED.

Le auto a guida autonoma necessitano di numerosi componenti sulla carrozzeria per poter funzionare; spostando questi elementi all’interno dei fanali, migliora il design esterno della vettura e aumenta la performance delle telecamere grazie alla maggior quantità di luce rilevata dai sensori.

La dimostrazione pratica

Al salone Magneti Marelli non porta solo un concept del progetto, ma bensì una vettura concreta equipaggiata da un sistema Smart Corner funzionante a 360 gradi. L’auto dimostrativa presenta una serie di tecnologie di connettività che hanno come obiettivo quello di migliorare la circolazione urbana tramite, per esempio, schermi AMOLED posizionati sulle griglie anteriore e posteriore del veicolo per comunicare a pedoni e ad altri mezzi se il sistema di guida autonoma è inserito.