La casa di Maranello premiata per le finanze in salute e gli investimenti nella giusta direzione

È durata cinque anni la rincorsa della Ferrari al primo posto della classifica Most Powerful Brands, un riconoscimento meno atteso a Maranello di un mondiale F1 (che manca invece dal 2007) da festeggiare però come una vittoria in gara.

Il Cavallino infatti è stato reputato il più “forte” al mondo, davanti alla banca russa Sberbank, alla società di consulenza Deloitte e a WeChat, l’app di messaggistica per smartphone più popolare in Cina, che precedono colossi come McDonald’s, Intel e Rolex.

Premiate le strategie

La classifica viene messa a punto dalla società Brand Finance ed è basata sull’analisi di alcuni elementi, come gli investimenti, i guadagni e la solidità finanziaria, che insieme danno un’idea di quant’è solida e affidabile un’azienda. Ne deriva un punteggio su base 100, per la Ferrari di 94,8.

Gli autori del Most Powerful Brands 2019 devono aver tenuto conto del nuovo e ambizioso piano di sviluppo del Cavallino, che – fra gli altri modelli - farà arrivare entro tre anni il crossover Purosangue, una sportiva destinata a far diventare la Ferrari ancora più redditizia di oggi.

Di Amazon la valutazione più alta

Ferrari non riesce però a tenere il passo dei giganti dell’hi-tech sul fronte del valore, enormemente a favore dei quattro colossi statunitensi: la quotazione più alta è di Amazon, con quasi 188 miliardi di dollari, davanti ad Apple (153,6 miliardi), Google (142,7 miliardi) e Microsoft (119 miliardi), che ha visto aumentare il suo valore del 47,4% rispetto all’anno scorso.

La Ferrari è valutata 8,3 miliardi di dollari, il 27% in più del 2018, ma in questa classifica ha davanti tanti altri marchi di auto, a partire dalle Mercedes (60,3 miliardi), Toyota (52,2 miliardi) e Volkswagen (41,7 miliardi).

Fotogallery: Ferrari 488 Pista Spider