L'azienda tedesca ora possiede una delle realtà più importanti in Europa per la costruzione di motori elettrici

Il "boom" della mobilità elettrica è sempre più atteso sia dai produttori che dagli acquirenti. Ecco perché il colosso tedesco Bosch, fornitore importante di componenti nel mondo dell'auto, ha deciso di investire diventando unico azionista, nella EM-motive, azienda leader in Europa per la produzione di motori elettrici. Con un totale di 450 mila unità prodotte da quando è stata fondata, la EM-motive fornisce già i motori elettrici per costruttori importanti come Porsche, Fiat, Volvo e Peugeot.

I vantaggi della collaborazione

Non essendo ancora un mercato di massa, la collaborazione fra le due case è servita anche ad abbattere i costi di produzione, dividendo le spese iniziali che dovevano essere coperte nonostante i bassi volumi iniziali. In questo modo i due partner possono sviluppare, progettare e produrre i loro motori prima ancora che aumenti la richiesta, assicurandosi così una posizione dominante in questo settore.