Il portale Hurry! conferma che l’interesse verso le auto elettrificate è in aumento, a discapito delle alimentazioni tradizionali

Gli ordinativi delle auto ibride nel 2018 tramite il portale online Hurry! - che collabora con ALD Automotive - hanno raggiunto una quota del 27,3% sul totale contro l’11,3% delle benzina. Buoni anche i numeri di GPL e metano, con una quota mercato del 7,6%.

Ma quali sono stati i modelli più scelti dagli italiani? MINI Cooper S E Countryman ALL4 plug-in hybrid e le Toyota C-HR e Yaris tra le elettrificate, Audi A3 g-tron tra quelle a gas.

Tanti vantaggi legati all'ibrido

Come mai questa tendenza? Indubbiamente il noleggio a lungo termine è una comodità, soprattutto in una società sempre di fretta come quella attuale.

Sostituire l'auto ogni tre o quattro anni senza doversi preoccupare della manutenzione già sono di per sé i punti di forza del noleggio, ancora di più se a questo sommiamo la possibilità data dall’ibrido di entrare nelle zone ZTL delle città e parcheggiare sulle strisce blu senza pagare il parcheggio. Sono questi gli elementi di questo trend di successo, come afferma Alberto Maria Cassone, presidente di Hurry!.

Le immatricolazioni a gennaio 2019

Nonostante il calo delle immatricolazioni a società di noleggio (-17,8%) - come testimoniamo gli ultimi dati UNRAE -, le auto ibride continuano nella crescita facendo registrare un aumento del 18,8% a gennaio 2019 a discapito del diesel. Crescono anche le immatricolazioni di auto a benzina e elettriche (+26,6%).