53 ispettori effettueranno verifiche su 6.280 km di rete stradale

Al via la prima fase del programma ispettivo sulla rete stradale transeuropea nazionale (rete TEN): 53 ispettori del ministero dei Trasporti effettueranno controlli su 6.280 km di rete autostradale utilizzando 1,38 milioni di euro derivati dai versamenti effettuati dalle società concessionarie autostradali negli anni 2017 e 2018.

Le relazioni degli ispettori verranno usate per programmare gli interventi di manutenzione da effettuare secondo priorità. L'obiettivo? Migliorare la sicurezza stradale e far calare il numero di incidenti.

Fase due

La seconda fase del programma ispettivo sarà attivata nel secondo semestre 2019, a valere sui versamenti previsti per l’anno dalle società concessionarie autostradali. Così da avere un quadro chiaro delle criticità della rete transeuropea nazionale e arrivare a un programma mirato di interventi di manutenzione.

L’azione di Toninelli

Le convenzioni che legano Stato (proprietario della rete autostradale) e concessionarie private (che incassano i pedaggi in cambio della gestione degli investimenti sulla rete) infatti sono da sempre nel mirino del ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. La questione è esplosa dopo il crollo del Ponte di Genova e la polemica è sfociata nel congelamento del rincaro dei pedaggi nel 2019.

Toninelli punta a “mettere in freezer” gli aumenti per tutto l’anno e a controllare di più i gestori affinché la sicurezza stradale migliori. Dall’altra parte, comunque, tutti i gestori rispediscono al mittente le accuse sostenendo che le convenzioni vengono rispettate e che gli investimenti in sicurezza sono adeguati.