La versione a metano, disponibile anche wagon, ha tre bombole e un piccolo serbatoio per la benzina

Possono finalmente “esultare” gli italiani interessanti ad una Seat Leon con motore a benzina/metano, perché dopo una lunga attesa torna ordinabile la TGI a doppia alimentazione, dotata del più recente 1.5 TSI al posto del 1.4 TSI disponibile fino ai mesi scorsi. Non cambiano i punti forti dell’auto, a partire dai bassi costi di rifornimento (un chilo di metano costa in media 1,003 euro al momento in cui scriviamo).

Inoltre le emissioni di anidride carbonica sono inferiori: alimentato a gas il 1.5 emette 108 g/km di CO2, che diventano 113 g/km per la variante solo a benzina. La Leon 1.5 TGI parte da 24.415 euro, che diventano 25.915 euro scegliendo il cambio automatico DSG a 7 marce e 25.165 euro la carrozzeria station wagon.

Seat Leon TGI

A benzina per le emergenze

A cambiare per la Leon TGI 2019 è il motore, che funziona secondo il ciclo Miller per migliorare l’efficienza della combustione: la fase di compressione dei cilindri è più breve rispetto a quella di espansione, a vantaggio di consumi, emissioni e silenziosità. Il 1.5 inoltre ha 20 CV in più rispetto al vecchio 1.4. Le bombole per il metano sono tre (una in acciaio, due in materiale composito) e stoccano 17,3 kg di gas, quindi ciò significa che un pieno costa poco più di 17 euro.

Seat Leon TGI

L’autonomia è di 480 km per le Leon con il cambio manuale e 500 km per quelle con il DSG, a cui si aggiungono i 150 km percorribili a benzina (il serbatoio è da 9 litri). La benzina però viene utilizzata solo all’accensione quando la temperatura è al di sotto dei 9° C o con le bombole scariche.

Tre allestimenti

Gli allestimenti previsti per la Leon TGI sono gli Style, Business e FR. Di serie per la Style sono compresi i cerchi da 16”, il climatizzatore manuale, il regolatore di velocità e lo schermo di 5” nella consolle, mentre la Business aggiunge il regolatore di velocità adattativo, i sensori di parcheggio posteriori, lo schermo nella consolle da 8” e la compatibilità con gli smartphone. La FR ha un aspetto più sportiveggiante e una dotazione più ricca, in cui rientrano anche le ruote da 18”, il climatizzatore automatico bizona, il selettore per le modalità di guida e il volante sportivo multifunzione.

Fotogallery: Seat Leon 1.5 TGI 130 CV