La X3 xDrive30e, in arrivo a fine anno, ha 252 CV e fa 50 km in elettrico

L’inizio della produzione è fissato per il prossimo mese di dicembre, ma già al Salone di Ginevra è possibile vedere da vicino e toccare con mano la prima BMW X3 ibrida plug-in.

Si tratta della BMW X3 xDrive30e, versione elettrificata e ricaricabile “alla spina” del SUV medio tedesco che ha debuttato nel 2017 e che dal 2020 sarà disponibile anche in versione completamente elettrica.

Anima elettrica da 50 km

La nuova BMW X3 xDrive30e è spinta da un motore quattro cilindri a benzina di due litri combinato ad un motore elettrico che porta la potenza totale a quota 252 CV. La presenza dell’elettromotore garantisce anche un boost temporaneo di 41 CV che si possono aggiungere quando si guida in modalità Sport+.

'

Il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h è attorno ai 6,5 secondi e la batteria agli ioni di litio posizionata sotto il sedile posteriore promette un’autonomia elettrica di 50 chilometri. I dati consumo ed emissioni di CO2, ancora provvisorie, parlano di 2,4 l/100 km e 56 g/km.

Uno sportellino in più a sinistra

A livello stilistico la BMW X3 xDrive30e si distingue dalle altre X3 per lo sportellino sul parafango anteriore sinistro che nasconde la presa per la ricarica elettrica con tanto di LED per il controllo della ricarica.

BMW X3 xDrive30e

Sempre per fornire informazioni aggiuntive sulla carica della batteria, l’autonomia elettrica e lo stato di funzionamento del sistema ibrido è prevista una strumentazione specifica. Un generatore di suono è attivo all’esterno del SUV sin dalla partenza e fino a 30 km/h per allertare pedoni e ciclisti sull’avvicinarsi della vettura.

Fotogallery: BMW X3 xDrive30e