In Giappone si allarga il sistema D-Call Net di elisoccorso con chiamata automatica in caso di incidente

In Europa e in alcuni Paesi in giro per il mondo la chiamata d’emergenza in auto che in caso di incidente fa partire automaticamente una telefonata e una segnalazione ai soccorritori è una realtà di serie da alcuni anni, ma c’è chi fa anche di più.

Un esempio su tutti è quello del sistema D-Call Net avviato in Giappone nel 2015 sulle vetture Toyota e Honda che da oggi si estende anche ai modelli Subaru, Nissan e Mazda.

Chiamata all'eliambulanza

Lo scopo principale del D-Call Net è quello di velocizzare i soccorsi attivando in automatico la richiesta di intervento di ambulanze ed eliambulanze quando il sistema montato in auto rileva un concreto pericolo di morte o ferite gravi per i passeggeri dell’auto.

D-Call Net, la chiamata d'emergenza giapponese

La tecnologia D-Call Net che equipaggerà a breve anche Subaru Nissan e Mazda fa parte di una più ampia rete di assistenza e intervento rapido che sulla base dei dati di 2,8 milioni di incidenti reali stabilisce la gravità del sinistro e la necessità di un soccorso rapidissimo.

17 minuti risparmiati fanno la differenza

L’articolata organizzazione che unisce gli sforzi di Case auto, fornitori di servizi e il gruppo no profit Emergency Medical Network of Helicopter (HEM-Net) collega in rete 730 dipartimenti dei vigili del fuoco giapponesi, 54 ospedali e 46 eliambulanze capaci di rendere più rapidi i soccorsi. Col nuovo sistema si riduce infatti il tempo che trascorre fra il momento dell’incidente, la chiamata, il trasporto e l’intervento medico, da 38 a 21 minuti.

D-Call Net, la chiamata d'emergenza giapponese

L'allargamento della rete D-Call Net su altri marchi è un ulteriore passo avanti verso l'installazione del dispositivo su tutte le auto circolanti in Giappone, cosa che permetterebbe di salvare ogni anno la vita a 282 vittime della strada.

Fotogallery: D-Call Net, la chiamata d'emergenza giapponese