Così il CEO della Formula E alla presentazione di oggi a Roma con la sindaca Raggi

La Formula E sbarca a Roma, Città Eterna, ponte tra passato, presente e futuro. Nella sala Adriana del Campidoglio, si è tenuta la presentazione della seconda edizione che, come lo scorso anno, si terrà sul circuito cittadino dell'EUR.

Un'occasione per sottolineare, da parte della Sindaca Raggi, quello che vuole essere un percorso virtuoso di Roma nel mondo della mobilità sostenibile. L'accostamento in tema di elettrico sorge spontaneo: Alejandro Agag può essere considerato una sorta di Musk delle competizioni? "No, no... - ci ha risposto sorridendo - Abbiamo iniziato questo campionato sta andando bene e siamo stati fortunati".

"Musk è un grande visionario di cui ho grande ammirazione. Peccato che la Tesla non sia in Formula E. Ma vediamo, forse un giorno...".

Formula E Roma Sindaca Raggi - Alejandro Agag

Laboratorio in corsa

L'analisi, ancor prima che dell'evento, gira intorno a quello che la Formula E sta cercando di portare in tema di mobilità futura e potenzialmente sostenibile. Agag spinge su questo, tanto più che, nella sua disamina, sostiene come la Formula E sia un veicolo per lo sviluppo dell'elettrico in ogni suo ambito, a cominciare dalle batterie; non solo nella loro capacità, ma anche nel raffreddamento, nel software, nell'ottimizzazione e nella fase del recupero dell'energia in fase di frenata.

Incalzato poi su ulteriori aspetti di un mondo che si presta all'innovazione, il CEO ha detto di essere aperto alla sperimentazione della guida autonoma ed alla Roborace, promossa anche da Lucas Di Grassi (ex campione Formula E), ma "la competizione vuole gli esseri umani".

Fotogallery: Formula E Roma

Mobilità elettrica a Roma

Spazio anche alla Sindaca Virginia Raggi che, durante la presentazione dell'evento, ha tracciato un percorso parallelo tra l'ePrix della Capitale ed il percorso virtuoso che il Comune vorrebbe intraprendere in tema di mobilità: "Formula E è un evento che coniuga la parte delle competizioni con la sostenibilità ambientale e con una ricerca ai massimi livelli", ha sottolineato la sindaca, proseguendo sul suo ragionamento, sottolineando come per Roma il futuro della mobilità sarà sulla via dell'elettrico.

La Sindaca ha anche detto che Roma Capitale sta cercando di impiantare ed installare quante più colonnine elettriche possibili. Si punta su autobus e car sharing a zero emissioni.

Si ritorna poi a parlare dell'ePrix di Roma che lascerà un'eredità importante per la vita di tutti i giorni ai cittadini dell'EUR, con l'installazione di una serie di telecamere lungo il percorso che rimarranno anche una volta concluso l'evento. E' un utilizzo che, a detta della stessa sindaca, si evolverà lungo tutto il territorio comunale, a partire dal Colosseo per passare poi a San Lorenzo e Piazza Vittorio.

Una Parata al venerdì

La volontà di tutto il Circus, però, sarà anche quella di far vivere l'elettrico a partire da venerdì 12 Aprile, giorno antecedente all'ePrix vero e proprio. Come riferito dall'assessore Daniele Frongia, a partire dalle ore 12.00, il circuito sarà aperto a tutti i cittadini che potranno guidare qualsiasi mezzo elettrico al suo interno, in una sorta di vera e propria sfilata. 

Un'ultima battuta lasciata proprio ad Alejandro Agag che ha sottolineato anche la presenza di eventi attigui di utilità pubblica e sociale durante il fine settimana dell'ePrix, tra cui delle partite di Basket, Hockey e Rugby in sedia a rotelle e un concerto finale al termine dell'evento: "Roma sarà un grande spettacolo".

Fotogallery: Formula E Roma, la presentazione 2019