Così il Gruppo italo statunitense potrà rispettare il limite di emissioni imposto per il 2020

La strada di FCA verso l’elettrificazione è iniziata al Salone di Ginevra con la presentazioni delle Jeep Renegade e Compass ibride plug-in e, passando attraverso la Fiat 500 elettrica, arriverà a proporre l’intera gamma con motori elettrici al fianco o al posto di classici endotermici. Nell’attesa il Gruppo italo statunitense ha (secondo quanto riferito dal Financial Times) stretto un accordo con Tesla per riuscire a rientrare nei limiti europei per le emissioni (95 g/km), in vigore dal prossimo anno.

L’unione fa il green

In sostanza FCA (o meglio, FCA Italy, FCA USA e Alfa Romeo) verserà nelle tasche di Elon Musk centinaia di milioni di euro per inserire le auto elettriche Tesla all’interno della propria gamma per quanto riguarda le emissioni di CO2. Una mossa consentita dall’Unione Europea, secondo la quale possono essere stretti accordi sia all’interno dello stesso Gruppo (come avviene in Volkswagen, dove Skoda, Seat e VW compensano Audi e Porsche) o anche tra gruppi diversi, come Toyota e Mazda.

In gergo si chiama “Open Pool” e prevede proprio ciò che sta avvenendo tra FCA e Tesla: una Casa con emissioni troppo alte acquista “crediti verdi” a un’altra più virtuosa, così da compensare il proprio eccesso di CO2. Un’operazione win – win: il Gruppo guidato da Manley risulta in regola ed evita multe (da miliardi di euro) mentre Musk mette in cassa liquidità così da poter coprire eventuali scoperti o reinvestire in ricerca e sviluppo.

Nuova Fiat 500, il rendering

Alleanze in vista?

Il pool non può che rappresentare una soluzione a breve termine ed FCA, oltre a portare avanti la propria strategia di elettrificazione, potrebbe dover stringere un’alleanza con un altro Gruppo per evitare di sforare i limiti imposti dalla UE e accelerare ulteriormente lo sviluppo di tecnologie ibride ed elettriche.

Secondo voci di qualche giorno fa i dialoghi con PSA non sarebbero cessati ma anzi, starebbero continuando proprio sull’argomento elettrico, per far nascere una nuova piattaforma modulare per veicoli a emissioni zero.

D’altra parte ormai quello delle alleanze è un gioco globale e vede praticamente ogni giorno nascere accordi tra brand (anche extra settore) per non restare indietro nella corsa all’elettrico e alla guida autonoma.

Fotogallery: Jeep Renegade Plug-In Hybrid