Il costruttore giapponese è il nuovo partner ufficiale con Rav4 Hybrid e la Corolla Touring Sport Hybrid

Il Giro d’Italia si converte ufficialmente all'auto ibrida. La corsa rosa più famosa del mondo a partire da quest'anno sarà scortata da una flotta di Toyota grazie a un accordo siglato con RCS Sport - l'organizzatore della gara - che qualifica la multinazionale giapponese come fornitore ufficiale tanto dei Giro quanto delle altre competizioni di ciclismo organizzate da RCS.

Le full hybrid in gara

Le Toyota che accompagneranno i ciclisti in gara lungo gli oltre 3.500 chilometri del percorso 2019 saranno la RAV4 Hybrid e la Corolla Touring Sports, ovvero due dei modelli più recenti del marchio.

L'operazione si configura come un'attività di sponsorizzazione, ma ha il pregio di ridurre concretamente l'impatto ambientale del parco auto che viaggia al seguito del Giro, tanto in termini di emissioni CO2 - climalteranti - quanto di NOx - quelle nocive per l'uomo - che la tecnologia ibrida è in grado di ridurre al di sotto dei limiti di omologazione. 

Fotogallery: Toyota RAV4 Hybrid

Elettrificazione necessaria

Il tema è di stretta attualità vista la crescente domanda di elettrificazione e vale, a maggior ragione, per una competizione sportiva così imponente per dispiego di uomini e mezzi. Sarà, inoltre, interessante misurare sul campo, in un ciclo di guida così speciale, la resa dalla tecnologia full hybrid Toyota.

L'accordo con Toyota avrà una durata biennale, ma una volta che si inizia ad elettrificare una flotta del genere è certo che non si torna più indietro. Il che è una buona notizia.

Fotogallery: Nuova Toyota Corolla Touring Sports Hybrid