L'esposizione si chiama “Live for the City & the Art of Urban Design

“Live for the City & the Art of Urban Design”: è questo il titolo dell’esposizione di Land Rover alla Milano Design Week. Sì, certo, a leggerli così possono sembrare solo delle trovate di marketing; poi però curiosando fra gli oggetti e le opere esposte, le cose si mettono al proprio posto.

 

Lusso responsabile

Prima ancora che alle parole, però, è giusto fare caso a ciò accoglie i visitatori della galleria Blindarte, in via Palermo 11, nel cuore di uno dei quartieri più caratteristici di Milano: Brera.

Ebbene, una Evoque in sottili tubi di metallo, leggeri anche visivamente, fa immediatamente capire come la seconda generazione del SUV inglese sia stata concepita nel massimo rispetto dell’ambiente, una leggerezza visiva che rappresenta il poco “peso” dell’auto sull’ecosistema.

Un percorso a tappe

Dopo questo primo e, a titolo personale, piacevole impatto, la seconda tappa è quella plasmata dalla designer di moda Elena Ghisellini, un’installazione rivestita di strisce di pelliccia sintetica (richiamo alle caratteristiche “ecologiche” dell’Evoque mild hybrid). Dentro si trova invece la Responsible Luxury Area: l’Evoque è ancora allo stadio immateriale, rappresentata mediante alcuni dei tessuti, naturali e riciclati, che la costituiscono.

Il percorso continua nell’Innovation Lab, per vivere la macchina tramite degli occhiali 3D, per poi chiudersi nella Design & Reveal Area: qui l’Evoque è quella vera, immersa fra maxi schermi che la circondano su tre lati e, grazie a proiezioni appositamente pensate, danno la misura di come l’auto si inserisca nell’ambiente circostante, senza “prevaricarlo”.

Fotogallery: Range Rover Evoque 2019