Attenzione però: in alcune zone di'Italia l'obbligo si protrae fino al 15 maggio. Ecco tutto quello che dovete sapere

Gomme invernali e catene da neve a bordo: ci rivediamo tra 7 (in alcune zone d’Italia 6) mesi. Domenica 15 aprile finisce infatti l’obbligo di dotazioni invernali nella maggior parte del nostro Paese.

Prima di prenotare il cambio dal gommista, però, fate bene attenzione alle eccezioni, in modo particolare se per le festività di Pasqua avete intenzione di fare le vacanze in quota. Indipendentemente da dove siate diretti, investite 5 minuti del vostro tempo per informarvi. Su http://pneumaticisottocontrollo.it/, per esempio, ma anche sui siti di autostrade  e anas.

Provincia che vai, normativa che trovi

Se la complessità burocratica, nel nostro Paese è spesso ingiustificata, quando si parla di dotazioni invernali non è difficile capire perché le prescrizioni possano variare da zona a zona: pensate alle temperature medie delle province di Cagliari e Sondrio, di Imperia e L’Aquila.

Ben vengano dunque le eccezioni, che prevedono, dove le temperature sono più rigide, un obbligo più esteso: dal 15 ottobre al 15 maggio anziché dal 15 novembre al 15 aprile.

Informarsi online

Per tornare a quanto scritto sopra, all’opportunità cioè di informarsi prima di partire, ricordate che il mancato rispetto della prescrizione di dotazioni invernali - anche nel caso in cui ci siano 25°C di temperatura - comporta una multa di 41 euro in città e di 85 euro fuori città. In seguito alla prima multa fuori città, per proseguire è necessario dotarsi di pneumatici invernali o di catene da neve.

Si prosegue senza le dotazioni opportune? Se si viene fermati una seconda volta si riceva un’altra multa da 85 euro, con in più il taglio di 3 punti della patente.

Il tutto, senza dimenticare che le Forze dell’ordine possono comunque impedire il proseguimento del viaggio, in mancanza dei requisiti di sicurezza. Ancora, chi non rispetta l’obbligo di dotazioni invernali e provoca un incidente con feriti (con prognosi superiore ai 40 giorni), può subire un processo per il reato di omicidio e lesioni stradali.

Altre informazioni “estive” da non dimenticare

Durante il periodo di obbligo delle dotazioni invernali, il Codice della Strada consente l’uso di pneumatici invernali anche con codici di velocità inferiori rispetto a quelli riportati in carta di circolazione; tale possibilità non è più concessa nel periodo “caldo” (quello in cui non c’è obbligo di pneumatici invernali o catene).

Nel caso in cui si montino gomme M+S con gli stessi codici prestazionali riportati sulla carta di circolazione non ci sono limiti temporali d’impiego. In altre parole si può circolare con le invernali anche quando fuori ci sono 30°C.

Una scelta in ogni caso molto sbagliata, non solo e non tanto perché il battistrada si usura in maniera precoce, ma perché gli spazi di frenata e la tenuta di strada ne escono sensibilmente compromessi.