La Cina, primo mercato al mondo per le vetture a zero emissioni, vuole confermarsi leader nel settore

Il Salone di Shanghai torna quest'anno dal 18 al 25 aprile. La kermesse cinese, che si svolge negli stessi giorni del Salone di New York, è sempre più interessante anche per l'Europa. Certo, non parliamo tanto di auto di serie, perché le novità che arriveranno da noi sono pochissime (come nel caso della MINI Clubman restyling), quanto piuttosto di concept car e la vision è tutta a zero emissioni.

Non è un caso, visto che la Cina ha il primato mondiale nelle vendite di veicoli elettrici e intende rimanere leader (1.016.002 unità vendute nel 2018, contro le circa 300mila consegnate rispettivamente in Europa e Stati Uniti).

Volkswagen ID. Roomzz concept

Uno sguardo sull'auto elettrica di domani, quella capace di guidarsi anche da sola, lo fornisce ad esempio il Gruppo Volkswagen presentando la Volkswagen ID. Roomzz e l'Audi AI:me concept. Mercedes invece svela in anteprima la GLB Concept, la versione ormai definitiva del crossover compatto della Stella con spiccate doti da fuoristrada. Vediamo di seguito i dettagli.

Avanti le concept, purché elettriche

A differenza degli altri Saloni partiamo per una volta dalle concept car. Come detto tra le protagoniste del Salone di Shanghai 2019 ci sono l'Audi AI:me concept, una compatta elettrica a guida autonoma che anticipa lo stile dei Quattro Anelli dei prossimi anni, e la Volkswagen ID. Roomzz concept, un SUV elettrico di grandi dimensioni sviluppato sulla stessa piattaforma MEB. A zero emissioni sono anche il multispazio Faraday Future V9, la berlina sportiva Infiniti Qs Inspiration e il Leap Motor, un SUV elettrico che promette 500 km di autonomia.

Fotogallery: Audi AI:ME Concept

Debuttano al Salone di Shanghai anche la Karma Coupé Concept, una berlina sportiva ibrida plug-in disegnata da Pininfarina con meccanica BMW i8, e la Mitsubishi e-Yi Concept. La Karma Vision concept, invece, anticipia la trasformazione da costruttore di auto a "incubatore di auto hi-tech di lusso open-platform", mentre l'Icona JD sfrutta la guida autonoma per la consegna delle merci.

Anche le auto di serie sono a zero emissioni

Nell'elenco di novità al Salone di Shanghai 2019 la maggioranza è a emissioni zero, ma per lo più parliamo di brand locali, fatta eccezione per modelli come l'Audi Q2L e-tron ovvero la Q2 a passo lungo elettrica per la Cina. Potrebbe arrivare in Europa la Renault City K-ZE, una piccola elettrica con forme da crossover. Pronta per altri mercati c'è anche la Geely GE11, una berlina elettrica cinese (ne esiste anche la variante rimarchiata Venucia e30).

Renault City K-ZE

E' Geely anche la Xingyue, un SUV coupé su piattaforma CMA di Volvo XC40 e Lynk&Co 01, così come pure la Jia Ji, prima monovolume della casa con motori diesel e ibridi. A zero emissioni è pure la Karma Revero 2020, versione aggiornata della berlina elettrica ad autonomia estesa basata sulla Fisker Karma. E poi ancora, ci sono la berlina coupé elettrica Nio ET7, il SUV elettrico da 684 CV Seres SF5 e la berlina Xpeng P7 che promettono entrambi 500 km di autonomia, così come la Geometry A saloon, prima auto del nuovo marchio di Geely.

Maserati Levante GTS Giallo Modenese

Non sono elettrici, ma rientrano tra le principali novità del Salone, la Maserati Levante GTS Giallo Modenese, un colore extra per una clientela particolare; la Mercedes-AMG A 35 L Sedan, la versione di accesso al mondo AMG; la BMW Serie 3 a passo lungo per la Cina e le due auto del nuovo marchio Volkswagen "Jetta": la VS5, SUV compatto in stile Skoda Kamiq, e la VA3, una berlina compatta.

Fotogallery: Salone di Shanghai, le novità 2019