Non è un'idea nuova, ma se ad affermarla è il n°1 di Volvo USA Anders Gustafsson, l'effetto è diverso. Il manager poi aggiunge "Siamo noi a doverci dare una svegliata"

“L’industria dell’auto deve darsi una svegliata, dev’essere aperta a nuove idee se non vuole essere scavalcata dai giganti dell’e-commerce”. Questo ha affermato in occasione di un evento legato al Salone di New York il CEO di Volvo U.S.

Di certo non si tratta di una novità: da quanto tempo sentiamo dire che Amazon, e più in generale appunto l’e-commerce, è una minaccia per il punto vendita, non solo concessionario di automobili, come l’abbiamo inteso per tantissimi anni?

Questione di "pulpito"

Fino a che un'idea, un'ipotesi di futuro, rimane al livello della chiacchiera da bar (da social network, se preferite) o poco più è un conto.

Se a sostenerla però è un esponente di massimo livello di un marchio automobilistico come Volvo, beh, l’effetto è ben diverso. Nello specifico, si tratta del già citato Anders Gustafsson, n°1 di Volvo USA.

Un equilibrio importante

La natura della concessionaria di auto, che impone all’imprenditore investimenti molto importanti (spesso imposti dalle Case stesse mediante vincoli contrattuali), ha sempre suggerito ai Costruttori molta prudenza nello “scavalcare” i loro punti di riferimento sul territorio.

Fotogallery: Volvo Studio, benvenuti nella concessionaria del futuro

Anche e soprattutto perché, comunque, la maggior parte delle persone che compra una macchina alla fine preferisce farlo in un luogo fisico, anche per la tranquillità psicologica legata al post-vendita.

Una questione (anche legale)

Le parole di Gustafsson non devono sorprendere, dal momento che Volvo, al lancio della XC40, ha sbandierato la formula “Acquistare una nuova Volvo XC40 sarà semplice come acquistare un cellulare”, anche se in realtà ciò che si può acquistare online è appunto il servizio su abbonamento “Care by Volvo”.

Un programma contro il quale si sono scagliati i concessionari della California, che hanno redatto una petizione di ben 199 pagine per bloccarlo.

Fotogallery: Volvo XC40