Un bagno di folla per modelli del passato e del presente

Monza è e resterà il “tempio” dell’automobilismo in Lombardia. Alle sue spalle però si sta facendo largo Brescia, dov’è stato organizzato per il quinto anno Cars & Coffee, un raduno immancabile per chi vuole respirare il profumo dei motori e vivere una giornata fra supercar moderne e del passato.

L’edizione del 2019 è stata ancora più ricca del solito, perché vi hanno partecipato circa 300 vetture: fra queste gioielli come le Apollo Intensa Emozione, Ferrari LaFerrari, Lamborghini Aventador SVJ e Pagani Huayra.

Sognando la California

Il raduno di Brescia, iniziato il sabato con eventi riservati ai partecipanti e proseguito la domenica con una parata fino a Villa Castelbarco (Milano), è rimasto l’unico di Cars and Coffee in Italia, dopo che negli anni scorsi ne sono stati organizzati anche a Monza, Napoli, Salerno e Torino.

Questi ritrovi si ispirano ai Cars and Coffee nati in California, dove i proprietari di supercar si danno appuntamento all’ora del caffè al mattino per trascorrere qualche ora insieme all’insegna di un “clima” più informale rispetto ai tradizionali raduni per collezionisti. Oggi Cars and Coffee è presente in 28 paesi al mondo.

Supercar virtuali

Oltre all'incredibile line-up di supercar in carne ed ossa, il raduno Cars & Coffee ha permesso ai tantissimi appassionati venuti da tutta Italia di mettersi alla guida di bolidi di ieri e di oggi. Grazie a Sparco, partner dell'evento, erano presenti infatti dei moderni simulatori di guida che hanno permesso, tra le altre cose, di vestire i panni di Niki Lauda guidando la mitica Ferrari 312 T2.

               

Fotogallery: Cars & Coffee 2019