I cavalli sono 347 e la coppia raggiunge i 700 Nm

Se nel resto del mondo tutte le nuove generazioni delle Audi S mantengono i motori benzina (il 3.0 TFSI) in Europa la “verde” viene pensionata in favore di motorizzazioni a gasolio. Una mossa che va contro il sentimento anti diesel del Vecchio Continente, ma che nasconde un “segreto” che permette di aumentare le prestazioni abbattendo consumi ed emissioni. Un segreto chiamato mild-hybrid, adottato da SQ5, S6 ed S7 prima e da S5 (coupé e sportback) poi. Così il 3.0 TDI sotto il cofano i 2 e 4 porte di Ingolstadt raggiunge i 347 CV e 700 Nm di coppia con consumo medio (secondo ciclo NEDC) di 6,2 l/100 km.

Schema collaudato

Come sulle sorelle anche sulle nuove Audi S5 Coupé e Sportback il sistema mild-hybrid sfrutta un sistema da 48 Volt, con batteria agli ioni di litio da 0,5 kWh, il cui compito è quello di alimentare compressore elettrico (che lavora ai bassi regimi e annulla il turbo lag) e motorino di avviamento.

Il primo lavora ai bassi regimi, quando i gas di scarico non danno la spinta necessaria, permettendo così di ridurre drasticamente il turbo lag grazie al tempo di reazione di appena 300 millesimi di secondo e la rotazione di 65.000 giri al minuto, il secondo invece svolge anche la funzione di alternatore.

Come sulle altre “S” è presente il sistema di veleggiamento, vale a dire che a velocità compresa tra 55 e 160 km/h se si lascia il pedale dell’acceleratore l’Audi S5 procede a motore spento, per un massimo di 40”. Anche il sistema start&stop è uguale e si aziona già ai 22 km/h. In questo modo si emettono tra i 163 e i 161 g/km di CO2.

Fotogallery: Audi S5 Coupe TDI

Sportive fuori e dentro

Oltre ai benefici in termini di consumi ed emissioni il TDI con tecnologia mild-hybrid permette alla nuova Audi S5 di tenere testa alle versioni benzina, con 0-100 km/h in 4,8” e velocità massima limitata elettronicamente ai canonici 250 km/h.

Prestazioni da sportiva con un look dedicato che si compone di nuove e più generose prese d’aria, single frame con doppi listelli in alluminio, come le calotte degli specchietti retrovisori, minigonne, spoiler posteriore, estrattore con doppio scarico e cerchi in lega da 18” (19” o 20” come optional). La caratterizzazione dedicata si ritrova anche in abitacolo, con sedili e volante sportivi, pedaliera in acciaio e inserti in alluminio spazzolato o (a richiesta) carbonio.

Disponibile unicamente con cambio automatico tiptronic a 8 rapporti e trazione integrale quattro (che ripartisce la coppia fino a un massimo del 70% all’anteriore e 85% al posteriore) la nuova Audi S5 può montare anche lo sterzo dinamico e gli ammortizzatori regolabili. L’arrivo nelle concessionarie italiane è previsto nel corso del secondo trimestre 2019 con prezzo ancora da comunicare.

Fotogallery: Audi S5 Sportback TDI