Si aggiorna la funzionalità per smartphone Android: nuova grafica, colori scuri e migliore usabilità

Più comandi con meno tocchi sullo schermo. E’ questo il principale cambiamento del nuovo sistema Android Auto, il sistema per “specchiare” nello schermo della consolle alcune app installate sullo smartphone, come Google Maps per la navigazione e Spotify per la musica.

Google ha presentato l’interfaccia rinnovata a poche ore dall’apertura di I/O 2019, la conferenza per gli sviluppatori in cui sono mostrate le novità in arrivo nei prossimi mesi. Il nuovo Android Auto rientra fra i debutti, perché arriverà sulle prime auto compatibili dall’estate 2019.

Fotogallery: Un restyling per Android Auto

Comandi più veloci

La critica principale rivolta ad Android Auto riguarda la sua poca immediatezza, perché non è possibile dare un comando ad un’app mentre se ne utilizza un’altra: aprendo sullo schermo Google Maps, ad esempio, non è possibile cambiare canzone su Spotify se non chiudendo un’app e aprendo l’altra.

Questo difetto verrà risolto in occasione dell’aggiornamento, perché nella parte bassa dello schermo sarà presente una barra multifunzione: visualizzando Google Maps riproduce alcuni comandi di Spotify, come il tasto pausa e quello per cambiare brano, mentre richiamando l’app del telefono mostra le indicazioni di Google Maps. Ciò sveltisce i comandi e migliora la sicurezza, perché si impiega meno tempo per dare un comando.

Arriva il tema scuro

Google ha rivisto inoltre la disposizione delle icone, che oggi si trovano nella parte bassa dello schermo: dopo l’aggiornamento saranno mostrate ad elenco sullo stile degli smartphone.

Il nuovo Android Auto guadagna inoltre una tendina per le notifiche, diventa compatibile con gli schermi di grandi dimensioni delle auto più recenti e ottiene il tema scuro, ovvero la visualizzazione su toni più scuri, che migliora il comfort quando si guida al buio.

Fotogallery: Un restyling per Android Auto