Ha percorso i 400 m di rettilineo in appena 9.406 secondi, tagliando il traguardo a 258 km/h.

Al mondo non mancano gli appassionati di motori e a volte può succedere che proprio per la loro passione, un'idea apparentemente impossibile diventi realtà. In questo caso vediamo una storica utilitaria italiana trasformata in un dragster da 700 cavalli.

Questa Fiat ha partecipato ad un evento (la Rivanazzano dragway) in Italia. La carrozzeria non è stata stravolta, o meglio, ha subito varie modifiche (come il carrellino posteriore per diminuire l'alleggerimento delle ruote anteriori e l'allargamento dei passaruota) ma tutto sommato il modello è ancora riconoscibile.

Il motore è quello della Uno Turbo

Le caratteristiche del motore sono strabilianti se pensiamo che a scalpitare sotto al cofano troviamo lo stesso motore montato di serie dalla Uno Turbo, modificato appositamente dall'azienda italiana Gabucci Autotecnica.

Inutile dire che il blocco motore di questo piccolo mostro non è originale. Il creatore di questo progetto ci ha messo mano portando la cilindrata del 1.4 8 valvole a 1.6 litri, con un regime di rotazione che supera i 10.000 giri/min. per fare in modo che la potenza salisse a fino a 700 CV, che uniti al peso piuma dell'auto (inferiore a una tonnellata) le permettono accelerazioni da supercar.

Prestazioni da supercar, in rettilineo

Nel video qui sopra la vediamo correre, accompagnata da un suono assordante, tanto che le persone in pista sono costrette a tapparsi le orecchie. Questa "piccola" a trazione anteriore ha fatto diversi passaggi ed è riuscita a coprire i 400 m della pista in appena 9.406 secondi, tagliando il traguardo a 258 km/h.

Le sue prestazioni (almeno in rettilineo) sono strabilianti e all'altezza di una vera supercar; la storia cambierebbe, ovviamente, se dovesse affrontare una curva ad alta velocità, perchè non è fatta per girare in un circuito, deve solo raggiungere l'altro capo del rettilineo nel minor tempo possibile. Come ogni dragster in quanto tale.