La compatta tedesca cambia tutto, stile e meccanica, per dare più abitabilità a passeggeri e bagagli

Rivoluzionaria nella meccanica, almeno per BMW, ma abbastanza tradizionale nello stile, la nuova Serie 1 perde una caratteristica unica fra le compatte come la trazione posteriore, ma ne guadagna in leggerezza e spazio a bordo.

Questa è in estrema sintesi la carta d’identità della BMW Serie 1 di quarta generazione che a meno di quindici anni dal debutto del modello (qui la storia) sconvolge il proprio schema meccanico passando alla trazione anteriore e al motore trasversale, con un look che riprende gli stilemi delle BMW più nuove, in particolare Serie 3, Serie 2 Active Tourer e X2.

Cornice unica per il "doppio rene"

La nuova BMW Serie 1 che vedremo dal vero al Salone di Francoforte (12-22 settembre 2019) e che sarà commercializzata a partire dal 28 settembre raccoglie infatti tutte le ultime evoluzioni stilistiche della Casa bavarese, a partire dalla calandra frontale a “doppio rene” che presenta un'unica cornice cromata per entrambi gli elementi e nessuna parte verniciata al centro delle due griglie.

Nuova BMW Serie 1

La presenza sotto la pelle dell’architettura a trazione anteriore spiega anche le forme del nuovo cofano motore che confina con fari piegati all’insù, della linea di cintura crescente verso il posteriore e della coda un po’ in stile crossover. I fari posteriori a sviluppo orizzontale aiutano a dare risalto alla larghezza della vettura.

Dietro c'è più spazio per i passeggeri

BMW ci tiene a puntualizzare che il famoso “gomito di Hofmeister”, la tipica angolatura del finestrino posteriore, è ancora presente ed è integrato tra portiera e montante. Il cambio di piattaforma porta con sé il vantaggio di una maggiore abitabilità, visto che a misure esterne molto simili al modello uscente corrisponde 3,3 cm in più per le ginocchia dei passeggeri posteriori, 1,3 cm a livello dei gomiti e 4,2 cm per i gomiti di chi siede davanti.

Nuova BMW Serie 1

Anche il vano bagagli cresce di volume arrivando a quota 380 litri (+20 litri rispetto ad oggi) che salgono fino a 1.200 litri quando si abbatte lo schienale posteriore. Le misure esterne riportano una lunghezza di 4,31 metri, una larghezza di 1,79 metri e un’altezza di 1,43 metri, mentre il passo raggiunge i 2,67 metri. Il peso della versione d'accesso è di 1.290 kg.

Controllo di trazione e slittamento

I cinque anni di sviluppo che gli ingegneri tedeschi hanno dedicato alla nuova BMW Serie 1 (nome in codice F40) sono serviti per affinare ulteriormente l’esperienza acquisita con le auto a trazione anteriore anche a livello di assetto, visto che la Casa di Monaco promette un’agilità superiore al modello precedente.

Nuova BMW Serie 1

Le sospensioni posteriori sono multi-link su tutte le versioni e motorizzazioni, sia a trazione anteriore che con la trazione integrale xDrive che è disponibile anche sulla nuova Serie 1. Una prima volta è anche quella delle ruote da 19” opzionali. La tecnologia ARB ripresa dalla BMW i3s propone un limitatore attivo di slittamento delle ruote unito al BMW Performance Control per un ottimale controllo della trazione con frenata automatica sulla ruota interna alla curva.

Due benzina, fino a 306 CV, e tre diesel

A livello di motori la nuova BMW Serie 1 propone due benzina e tre diesel, almeno in fase di lancio. La BMW 118i monta il tre cilindri 1.5 benzina da 140 CV e 220 Nm, con trazione anteriore e un consumo medio di 5,0 l/100 km, mentre la M135i xDrive sfrutta la trazione integrale e il più potente quattro cilindri di BMW, il due litri da 306 CV e 450 Nm capace di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Nuova BMW M135i xDrive

La BMW 116d da 116 CV e 270 Nm ha il tre cilindri 1.5 diesel e con un consumo medio di 3,8 l/100 km è l’unica in gamma ad essere omologata Euro 6d (tutte le altre sono Euro 6d-TEMP). Salendo di potenza nella gamma a gasolio troviamo la BMW 118d col 4 cilindri 2.0 con 150 CV e 250 Nm di coppia e poi la BMW 120d xDrive con lo stesso motore portato a 190 CV e 400 Nm, oltre alla trazione integrale. I cambi sono manuali a 6 marce su 118i, 116d e 118d, doppia frizione 7 marce Steptronic (optional) su 118i e 116d, oppure Steptronic 8 marce, di serie su 120d e M135i xDrive e a richiesta sulla 118d.

Quadro strumenti digitale e apertura con lo smartphone

Nell’abitacolo si nota subito la strumentazione digitale BMW Live Cockpit Professional in opzione e in abbinamento al BMW Operating System 7.0 aggiornabile online, con due display da 10,25”. A questi si può aggiungere per la prima volta l’head-up display da 9,2”, mentre i controlli di climatizzazione e impianto audio sono spostati in alto per lasciare un grande vano portaoggetti davanti alla leva del cambio, compreso il caricatore wireless di smartphone (opzionale).

Nuova BMW Serie 1

Gli allestimenti disponibili sono quattro: Advantage, Luxury Line, Sport Line ed M Sport. Fra i nuovi equipaggiamenti si segnalano le sospensioni a controllo adattivo VDC, il cruise control adattivo con funzione stop&go e la frenata d’emergenza urbana con rilevamento ciclisti. Per la prima volta è possibile aprire e chiudere la nuova BMW Serie 1 con lo smartphone abbinato alla BMW Digital Key.

Fotogallery: Nuova BMW Serie 1