Guidata dal francese Romain Dumas, la ID.R ha fermato il cronometro dopo 6.05.336 minuti, 40 secondi in meno del vecchio record

Non poteva avere epilogo migliore la giornata al Nurburgring per Volkswagen, arrivata in gran forze sul circuito tedesco per cercare di ottenere il record sul giro fra le auto elettriche.

Il pilota francese Romain Dumas, al volante della Volkswagen ID.R, ha saputo migliorarsi nell’arco dei quattro giri percorsi e all’ultimo tentativo ha fermato il cronometro dopo 6.05.336 minuti, soffiando il primato all’inglese Peter Dumbreck, che al volante della cinese Nio EP9 completò un giro della mitica pista tedesca in 6.45.90 minuti.

Volkswagen ID R al Nürburgring Nordschleife

Il record già al primo tentativo

La casa tedesca non per altro ha scelto proprio Dumas, 41enne francese che nell’arco della sua carriera (spesa fra auto derivate dalla serie e prototipi) ha vinto quattro volte la 24 Ore del Nurburgring e due volte la 24 Ore di Le Mans.

Dumas ha migliorato il tempo di Dumbreck già al primo tentativo, fermando il cronometro dopo 6.25.385 minuti, ma come riferisce La Gazzetta dello Sport ha effettuato altre tre tentativi e limato quasi 13 secondi nel primo passaggio, oltre 16 secondi nel primo giro del pomeriggio e più di 20 secondi nel quarto e ultimo passaggio.

Aerodinamica in stile Formula 1

L’auto guidata da Dumas è la Volkswagen ID.R, costruita nel 2018 per la gara in salita Pikes Peak e aggiornata in funzione dell’utilizzo in pista: ha appendici aerodinamiche maggiorate e un sistema simile al DRS delle Formula 1, composto da ali mobili che permettono al pilota di avere maggiore carico aerodinamico nelle curve (a vantaggio della stabilità) o più velocità nei rettilinei, tanto è vero che la rinnovata ID. R è in grado di raggiungere la velocità massima di 270 km/h. I due motori elettrici sviluppano 680 CV, per un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,5 secondi.

Fotogallery: La Volkswagen ID.R fa il record al Nurburgring