Dopo il +1,5% di aprile, a maggio le vendite tornano a diminuire, rispetto al 2018

Il mercato dell’auto a maggio fa segnare l’1,2% in meno rispetto allo stesso mese di un anno fa, 197.307 unità contro 199.692; la crescita di aprile non trova dunque conferma. Nel cumulato da inizio anno siamo a 910.093 auto immatricolate, contro le 946.381 del periodo gennaio-maggio 2018. 

Questo il pensiero di Michele Crisci, presidente di UNRAE (l’associazione delle Case automobilistiche estere): “L’UNRAE ha accolto con grande interesse le recenti dichiarazioni del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sull’impegno del Governo ad operare già nella manovra finanziaria del prossimo autunno per portare al 100% la detraibilità dell’IVA sulle auto aziendali”. “Ci auguriamo – prosegue il Presidente – che il Governo possa finalmente porre l’attenzione dovuta ad un settore nevralgico per il sistema economico del nostro Paese, attivandosi con interventi sulla fiscalità delle auto aziendali, tema sul quale la nostra Associazione si batte da molti anni”.

Diesel ancora in calo in favore del benzina

Continua l’allontanamento degli automobilisti italiani dal motore Diesel: -20% di immatricolazioni rispetto a maggio 2018, per una quota di mercato che scende dal 42,8 al 41,8%. Ne beneficia il benzina: +22,5% per una quota di mercato, a maggio, del 43,7%.

Insieme alle auto a benzina, crescono le ibride: +34,7% in termini di volume, 5,4% di quota (+1,5 punti). Quanto alle elettriche, la crescita è netta, si tratta quasi di un raddoppio, che le vede così salire allo 0,6% sul totale mercato. In forte calo invece il metano che si ferma all’1,9% nel mese e all’1,5% nel cumulato dei primi 5 mesi del 2019; segna in maggio un +5,1% il GPL.

Un mercato che ama le piccole

L’Italia si conferma mercato top per le city car, che incassano a maggio un deciso +9,9%, per un 17,2% di quota (16,6% del totale mercato nel cumulato 2019), mentre si mantengono al 37,3% di rappresentatività le auto di segmento B. Calano i segmenti medi e superiori.

Quanto alle carrozzerie, sono tutte in calo, fatta eccezione per i soliti crossover: +15,7%, raggiungendo così il 32,5% di quota e il 31,9% nel cumulato gennaio-maggio.

Fiat Panda sempre al primo posto. Seconda la Renault Clio

13.736: tanti sono gli automobilisti che hanno scelto l’intramontabile Panda a maggio, 68.604 nei primi 5 mesi del 2019. La sorpresa è però la Renault Clio: la presentazione della nuova generazione deve aver dato un impulso alla rete vendita per scontare la vecchia, al punto che la francese si piazza seconda con 6.421 unità immatricolate a maggio.

Fotogallery: Nuova Renault Clio 2019

Terzo gradino del podio per un’altra italiana, la Fiat 500, seguita dalla Lancia Ypsilon e dalla 500X. Chiude la top ten la Volkswagen T-Roc, preferita (con 4.021 unità vendute) dagli italiani al “mostro sacro” Golf (3.541).

Fotogallery: Fiat Panda Wind