La batteria da 32,6 kWh promette un'autonomia di 270 km, con un piacere di guida degno delle migliori MINI. Ordinabile da novembre

Per MINI la prima auto elettrica di serie prende il nome di MINI Cooper SE, un appellativo semplice che unisce la storia sportiva del marchio britannico con la E di Electric.

Fedele alla sua missione di offrire il migliore piacere di guida la MINI Cooper SE rinuncia al tradizionale motore termico per montare un motore elettrico da 184 CV (135 kW) e una batteria agli ioni di litio da 32,6 kWh che le garantisce un’autonomia dichiarata compresa fra i 235 e i 270 km. L'apertura degli ordini e l'avvio della produzione di MINI Cooper SE è fissata per novembre 2019, con un prezzo base italiano di 33.900 euro.

'

MINI 3 porte con qualche modifica

A fare da base alla prima MINI elettrica c’è la carrozzeria della MINI 3 porte, modificata in alcuni dettagli per rendere chiara la natura a zero emissioni della Cooper SE. L’unica differenza sostanziale e appena percepibile da fuori è l’altezza maggiorata di 1,8 cm per lasciare maggiore distanza da terra al fondo dell’auto dov’è alloggiata la batteria a forma di T.

Mini Cooper SE

La capacità di carico del bagagliaio rimane invece invariata a quota 211/731 litri. Il peso della MINI Cooper SE è pari a 1.365 kg, ovvero 145 kg in più rispetto ad una Cooper S con cambio Steptronic.

7,3 secondi da 0 a 100

Grazie al motore elettrico da 184 CV e 270 Nm l’avantreno è stato alleggerito rispetto alle versioni benzina e diesel, con un posizionamento più basso nel cofano motore che unito alla presenza della batteria sotto al pianale contribuisce ad abbassare il baricentro (-3 cm) e migliorare la distribuzione dei pesi.

Mini Cooper SE

Quel che ne deriva è una dinamica di guida ancora più agile e reattiva per la MINI Cooper SE, con un tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi (3,9 secondi da 0 a 60 km/h) e una velocità massima di 150 km/h. La carica della batteria di MINI Cooper SE può essere fatta con una presa Tipo 2 a corrente alternata fino a 11 kW in 2 ore e mezza, mentre con la presa CCS Combo 2 a corrente continua fino a 50 kW servono 35 minuti per l’80% del pieno. Il consumo dichiarato è di 15,0-13,2 kWh/100 km.

Dettagli elettrici

Vista da fuori la MINI Cooper SE si caratterizza per una serie di piccoli dettagli esclusivi come ad esempio la mascherina anteriore quasi completamente chiusa e con una fascia gialla, lo stesso colore applicato agli specchietti (opzionale al posto del grigio), ai fregi laterali e ai cerchi in lega.

Mini Cooper SE

Di serie ci sono le ruote MINI Electric Revolite Spoke da 16” e optional i MINI Electric Corona Spoke da 17” con design asimmetrico e aerodinamico.

Aerodinamica più pulita

Un attento studio dell’aerodinamica è stato fatto anche per il paraurti anteriore e per i flussi d’aria che corrono in maniera fluida fino all’estrattore di coda privo di terminale di scarico. Un ulteriore dettaglio di elettrificazione è dato dalla presenza del logo MINI Electric sullo sportellino del tappo serbatoio che cela invece la presa di ricarica.

Mini Cooper SE

Nella dotazione di serie la MINI Cooper SE include anche i fari full LED e di suono artificiale a bassa velocità per la sicurezza di pedoni e ciclisti.

Strumentazione digitale

Anche dentro la MINI Cooper SE offre diverse modifiche rispetto alle altre MINI, a partire dal quadro strumenti digitale su schermo da 5,5” dietro il volante che fornisce anche dati sulla carica della batteria, modalità di guida selezionata, autonomia, limiti di velocità, opzioni audio e telefono e indicazioni di svolta del navigatore.

Mini Cooper SE

Anche durante la ricarica a vettura ferma la strumentazione digitale offre indicazioni sul tempo rimanente per il “pieno”, l’autonomia e la percentuale di carica. Non manca poi sulla Cooper SE una leva cambio specifica e un pulsante per l’azionamento del freno di stazionamento elettrico.

Quattro modalità di guida e due recuperi energia

La MINI Cooper SE offre anche la scelta fra quattro diverse modalità di guida: MID, Sport, Green e Green+. Il primo è quello standard, lo Sport offre una maggiore reattività dello sterzo e del motore e i due Green sono orientati alla massima efficienza. La modalità Green+ porta al punto più estremo questo concetto limitando alcune funzioni di riscaldamento e condizionamento dell’aria.

Mini Cooper SE

Il recupero di energia in frenata può essere regolato semplicemente con il pedale dell’acceleratore, guidando senza usare il freno, ma volendo si può anche scegliere fra due livelli di freno motore attraverso un pulsante in plancia.

Pompa di calore per la climatizzazione

Il climatizzatore automatico bizona della MINI Cooper SE sfrutta una pompa di calore che utilizza il 75% di energia in meno rispetto ai sistemi tradizionali e può essere attivata e programmata anche a vettura ferma. Il navigatore è dotato di specifiche funzioni dei MINI Connected Services che offrono l’indicazione sulla mappa del range elettrico disponibile e i percorsi più efficienti per raggiungere la meta.

Mini Cooper SE

Per la personalizzazione della prima MINI elettrica sono previsti i quattro pacchetti S, M, L e XL che modificano dettagli esterni e interni.

Fotogallery: Mini Cooper SE