La guida autonoma di Livello 4 debutterà nel parcheggio del Museo Mercedes di Stoccarda

La guida autonoma vera e propria si farà attendere ancora qualche anno, non solo perché la tecnologia deve ancora crescere, ma anche perché le leggi devono adeguarsi a un mondo senza automobilisti ma con computer a gestire ogni aspetto dell’auto. Oggi quindi dobbiamo “accontentarci” di sistemi di assistenza alla guida di Livello 2, ma qualcosa si muove e amplia gli orizzonti della tecnologia, anche se per ora unicamente all’interno di un parcheggio.

Le Mercedes autonome

E non un parcheggio qualsiasi, bensì quello del Museo Mercedes di Stoccarda dove, grazie alla collaborazione tra Daimler e Bosch, le auto della Stella potranno parcheggiarsi in maniera completamente autonoma, coi gli automobilisti che così non dovranno prodursi in più o meno complicate manovre per infilarsi in un posto.

Una tecnologia chiamata Automated valet parking i cui studi sono iniziati nel 2015 e che nel 2017 ha visto nascere i primi progetti pilota proprio nel parcheggio del Museo Mercedes. Nel 2018 la fase di test si è fatta ancora più serrata, per poi ricevere il “via libera” da parte delle autorità tedesche. Un permesso a procedere che vede di fatto operare per la prima volta auto a guida autonoma di livello 4 in aree aperte al pubblico, anche se ben delimitate e senza il normale traffico di una strada.

Mercedes e Bosch parcheggio autonomo

Come funziona

Il sistema di parcheggio autonomo ha visto Bosch fornire le tecnologie per l’infrastruttura (come la gestione dei posti liberi e la loro localizzazione) mentre Mercedes si è occupata di hardware e software montati su alcuni suoi modelli. Cervelloni elettronici che permettono alle auto di vedere tutto ciò che le circonda e comunicare con i sensori inseriti nel parcheggio, per permettere loro di girare senza nessuno a bordo.

'

In questo modo si potrà entrare nell’autosilo, uscire dall’abitacolo e – tramite app installata sul proprio smartphone – dire all’auto di andare a cercare posto. Una volta terminata la visita al museo, sempre tramite app, si potrà richiamare l’auto e far si che ci venga a prendere.

Fotogallery: Mercedes e Bosch, il parcheggio autonomo è realtà