È il caso della Citroen C-Zero che, grazie a incentivi comunali e offerta speciale della Casa, può costare appena 7.890 euro

Uno dei limiti delle auto elettriche è il prezzo, ben più alto rispetto alle pari dimensioni con classico motore endotermico. Il Governo ha varato l’Ecobonus, con un massimo di 6.000 euro a favore del cliente se acquista un’auto con emissioni di CO2 minori di 20 g/km, rottamando al contempo un vecchio modello.

Una cifra che forse non basta a convincere gli automobilisti a passare all’elettrico, a meno che non si abiti a Carpi (Modena). I residenti nel comune emiliano infatti possono usufruire anche di contributi comunali (4.000 euro) e regionali (3.000 euro), per un totale quindi di 13.000 di sconti. E non è tutto.

Allineamento astrale

In questo modo un’auto elettrica come la Tesla Model 3 Standard Range può essere acquistata a 35.500 euro, meno di una BMW Serie 3 base. Se la cifra si sembra ancora troppo alta andando su modelli con listino meno importante si può scendere ulteriormente, fino ad arrivare a 7.890 euro.

Il prezzo si riferisce alla Citroen C-Zero, la 4 posti elettrica del Double Chevron, venduta normalmente a 30.890 euro ma ora (fino al 31 luglio, ma con buone probabilità di rinnovo) in offerta a 14.890 euro, Ecobonus incluso. Sottraendo i 7.000 euro accumulati con i vari incentivi ecco che il costo è ben inferiore a 10.000 euro.

Sconti anche per biciclette, ciclomotori & co.

Gli incentivi messi a disposizione del Comune di Carpi (per un totale di 60.000 euro, disponibili fino al 31 dicembre 2019) valgono anche per qualsiasi altro mezzo a propulsione 100% elettrica, vale a dire biciclette, ciclomotori, motocicli e motocarrozzette.

Il livello di incentivi varia da veicolo a veicolo e, ad esempio, per una bicicletta a pedalata assistita è pari all’80% della spesa, per un massimo di 250 euro. Attenzione però, come detto a inizio articolo gli incentivi sono riservati solo e unicamente ai residenti nel Comune di Carpi.

Fotogallery: Citroen C-Zero