L’ad del Gruppo itali statunitense in un’intervista al Financial Times si dice disposto a riavviare le trattative, anche se ci sarebbero altri partner in vista

Dopo le voci di ieri, secondo cui Renault sarebbe pronta a rivedere le proprie quote di partecipazione in Nissan per ammorbidire la posizione degli alleati francesi, arrivano nuovi segni di distensione che aprono ben più di uno spiraglio sulla buona riuscita della fusione tra FCA e Renault. A parlare questa volta è direttamente Mike Manley, amministratore delegato del Gruppo italo statunitense, che ai colleghi del Financial Times ha parlato della sua disponibilità a riaprire i colloqui coi colleghi francesi.

Le intenzioni non cambiano

“La logica industriale che prevaleva prima esiste ancora" ha dichiarato il manager statunitense al quotidiano, sottolineando come a cambiare però debbano essere le circostanze. Vale a dire che da parte di Nissan e del Governo francese di dovrà essere piena apertura al dialogo e alla fusione tra i 2 Gruppi.

Se così dovesse essere si potrebbe alla fine creare la terza (per vendite) realtà automobilista mondiale, capace di coprire praticamente tutti i mercati con un’offerta completa, elettrificata e che guardi alla guida autonoma.

Avanti anche da soli (o no)

Da parte sua però Manley ha anche sottolineato come FCA sia pronta ad andare avanti da sola, senza bisogno di partner o fusioni con altri costruttori, con un futuro solido all’orizzonte. Un futuro che vede FCA impegnata ad elettrificare la propria gamma, per ora con le versioni ibride plug-in di Jeep Renegade e Compass, per poi ampliare l’offerta con la Fiat 500 elettrica, Alfa Romeo ibride e tanti altri modelli.

Nonostante le rassicurazioni però il successore di Sergio Marchionne ha confessato come Renault non sia l’unico partner papabile. Parlando di eventuali fusioni con altri Gruppi infatti Manley ha dichiarato “Non significa che, se ci fosse un futuro migliore attraverso un'alleanza, una partnership o una fusione, non saremmo aperti e interessati”. Non sono stati fatti nomi, ma in passato si era parlato di interessamenti in PSA e Hyundai. Solo il futuro ci saprà dire.

Fotogallery: Fiat 500 elettrica, tutto quello che sappiamo di lei aspettando il 2020