Dovrebbe essere tra le protagoniste del prossimo Salone di Francoforte con stile simile alla Tarraco e tanta tecnologia in più

È da maggio 2018 che ci capita di pizzicare muletti della nuova generazione di Seat Leon in giro per l’Europa intenti a sostenere diversi tipi di test. Modelli sempre pesantemente camuffati beccati in strada e anche in pista, come quello che mostriamo nelle nostre nuove foto spia (accompagnate da un video), intento ad effettuare collaudi finali lungo il Nurburgring. Ultimi allenamenti prima del debutto atteso al prossimo Salone di Francoforte.

'

La Tarraco guida lo stile

Rispetto all’ultima volta che l’abbiamo vista, sempre lungo il tracciato tedesco, le camuffature sembrano essere rimaste tutte al loro posto e non ci sono quindi nuovi elementi a mostrarci particolari della carrozzeria. Sappiamo però (e lo vediamo) che il muso riprenderà l’aspetto della Tarraco, con la nuova mascherina e le luci sottili che rientrano in parte nella carrozzeria.

Ancora più interessanti sono gli scatti che mostrano per la prima volta l’abitacolo e il suo arredamento profondamente rinnovato simile in alcuni aspetti a quello della nuova Volkswagen Golf, anche lei attesa al debutto entro la fine del 2019 (ma non a Francoforte). I punti di contatto tra la compatta spagnola e la tedesca si ritrovano principalmente sulla sommità della plancia, col nuovo monitor dell’infotainment che ne fuoriesce, affiancato dall'ormai immancabile strumentazione digitale.

2020 SEAT Leon nuova foto spia

Sembra poi che al di sotto non ci siano tasti fisici, segno che anche Seat si è arresa alla moda del “tutto virtuale”, trasferendo i comandi del climatizzatore all’interno del monitor? Sul tunnel centrale sono invece incastonati il pulsante di accensione, quello che sembra essere un selettore per le modalità di guida e la leva del cambio – automatico – simile a quello della nuova Porsche 911. Ma l’immagine tagliata può trarre in inganno.

Anche ibrida?

I misteri rimangono invece per quanto riguarda i motori. Sotto il cofano della nuova Seat Leon – basata sulla solita piattaforma MQB – ci saranno unità benzina e diesel con differenti potenze, probabilmente con tecnologia mild hybrid. Non dovrebbero mancare anche versioni ibride con tecnologia plug-in.

All’appello risponderà presente anche la versione firmata Cupra, con potenza che potrebbe superare in scioltezza i 300 CV e avvalersi anche lei di un aiuto elettrificato. Per ora però sono tutte congetture che troveranno o meno conferma tra un mese a Francoforte.

Fotogallery: Nuova Seat Leon, nuove spy photo dal Nurburgring