In un video le 2 supercar per Le Mans e IMSA nate a Campogalliano negli anni ’90 con chi le ha sviluppate. E si vede anche una sorpresa

Con il breve (ma intenso) giro in pista con Loris Bicocchi e la “sua” Bugatti EB110 il nostro direttore Alessandro Lago ha assaggiato una delle supercar più amate della storia. Ma solo come passeggero, portato a spasso da quel Loris Bicocchi che la EB110 l’ha guidata in lungo e in largo prima come sviluppatore e poi per farle raggiungere i 342 km/h, record di auto più veloce del mondo nel 1991.

Un incontro non casuale ma avvenuto proprio grazie alla Casa francese che a Campogalliano (sede della Bugatti di Artioli) ha organizzato un incontro al quale era presente anche il Davide Cironi, nosto amico fin dai tempi in cui ci chiamavamo OmniAuto.it. E proprio Davide ha avuto la fortuna di poter guidare in prima persona una EB110 da pista. Un’esperienza trasformata in video.

'

Tra passato e ipotesi di futuro

Così nasce una melodia con il V12 di 3,5 litri come solista d’eccezione, ad accompagnare Davide e Loris e le “loro” EB110 (una versione Le Mans e un IMSA impiegata a Daytona ‘96) tirate fuori dai garage per l’occasione. Gomme quadrate e freni ormai arrivati non hanno minimamente intaccato il piacere di guidare dei veri pezzi da 90 del panorama automobilistico mondiale.

Prima di scendere in pista però – per pochi secondi – fa capolino (al minuto 3:01) una misteriosa auto coperta da un telo bianco, dal quale escono unicamente luminose lame LED. Un mistero che rimane tale e che chissà cosa nasconderà. Che le voci su una riedizione della EB110 non siano poi così campate per aria? All’apertura del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach avremo la risposta definitiva.

Non servono parole

Ma continuare a commentare un video del genere è inutile, non esistono parole che possano descrivere quella cascata di emozioni che hanno travolto Loris Bicocchi e Davide Cironi. Quindi che l’ultimo rumore che emettiate sia quello del “click” del vostro mouse, mentre il cursore passa sul tasto play. Poi silenzio, che di cose da ascoltare ce ne sono davvero tante.

Fotogallery: Bugatti EB110