La casa dell'Ovale Blu ha creato team appositi per competere nel difficile mondo degli esports. Prima tappa il Gamescom 2019

Fordzilla. E' questo il nome del gruppo di gamer che è stato reclutato al Gamescom 2019 (20-24 agosto), in Germania, ovvero la fiera dei videogiochi più importante d'Europa. E' l'inizio di un nuovo progetto per Ford che vede protagonisti i giovani di Francia, Germania, Spagna, Italia e Regno Unito. Gli obiettivi alla base del progetto sono molti: cercare nuove tecnologie, portare l’informatica nel settore automotive e trovare i piloti del futuro, per guidare le prossime Ford Perfomance.

E' l'ultima tappa di un percorso iniziato già da anni. Nel 2017 Ford è stata la prima casa automobilistica ad avere uno stand a Gamescom e l'anno scorso è stato il primo brand in assoluto a presentare un veicolo in fiera, rivelando l’identità del nuovo Ford Ranger Raptor, la versione performance del pick-up più venduto in Europa.

Fotogallery: Ford Ranger Raptor al Gamescom

Un settore dall'elevato potenziale

Perché tanto impegno? Basti qualche numero: nel 2019 il mercato globale degli esports (Sport elettronici) dovrebbe generare ricavi per 1,1 miliardi di dollari, con un incremento del 26,7% rispetto all'anno precedente; il pubblico raggiungerà i 453,8 milioni di persone, di cui 201,2 milioni appassionati di esports e 252,6 milioni di spettatori occasionali.

Questa volta i membri del team sono stati messi alla prova con alcuni dei più celebri videogiochi del momento, come Forza Motorsport 7, la realtà gaming di Microsoft più diffusa oggi tra i giovani. Nel prossimo futuro ci sono da affrontare i più importanti campionati dedicati ai racing game.