Iniziano gli ultimi test per il nuovo SUV della Casa inglese. Il motore sarà un V8 da 550 CV e 700 Nm di coppia. Il debutto a Dicembre

Cresce l’attesa per l’Aston Martin DBX, il primo SUV della Casa inglese che sta iniziando gli ultimi test su strada. Se ne è iniziato a parlare al Salone di Ginevra 2015 con la concept “numero 1”.

Dopo anni di progettazione e produzione, i primi esemplari hanno affrontato dure prove off-road nel 2018 e successivamente, nella primavera del 2019, i test al Nurburgring, ormai divenuto territorio di prova di ogni nuova auto sportiva. 

A Luglio è stata vista affrontare la “scalata” del Goodwood Festival of Speed, insieme all’ultimo concept della Porsche Taycan, poco prima della presentazione ufficiale al Salone di Francoforte 2019

Manca poco ormai

In un video, rilasciato alcuni giorni fa, la Casa inglese ha annunciato che la presentazione ufficiale avverrà nel mese di Dicembre 2019. Sinonimo, questo, che gli ultimi test di affinamento stanno ormai giungendo a termine.

'

Cosa sarà

Progettato dalla Lagonda, la divisione di Aston Martin che si occupa delle versioni esclusive e lussuose dei modelli “standard”, sarà un SUV che avrà competitor d’eccezione. 

Prodotti da case che si sono lanciate da poco in questo segmento, o che ancora devono entrarci, ne sono un esempio la Bentley Bentayga, la Lamborghini Urus o l’attesissima Ferrari Purosangue

Aston Martin DBX

Non come gli altri SUV

Architettura V8 per il motore che sarà di 4.0 litri e svilupperà 550 CV e 700 Nm di coppia massima. Durante i test l’auto ha toccato i 290 km/h di velocità massima e al Nurburgring il tempo sul giro è stato molto vicino a quello delle sorelle Aston Martin. 

La particolarità di questo SUV sarà (anche) nel sound. La Casa, infatti, ci tiene a specificare che lo scarico dell’auto è stato oggetto di molti studi, da un team creato appositamente per lo scopo, per trovare il suono perfetto. I toni bassi e medi saranno enfatizzati in alcune modalità di guida, forse per mezzo di una valvola posta sulla linea di scarico. 

Aston Martin DBX

La ricerca del bilanciamento

Non parliamo solo di pesi. Il bilanciamento è stato ricercato anche nell’erogabilità della potenza, per poter permettere a chiunque di usare i 550 CV sviluppati, quotidianamente. 

Nonostante ciò il Brand promette comunque doti dinamiche tipiche di ogni Aston Martin guidata fino ad oggi, caratteristica che, quindi, ogni possessore ritroverà.

Aston Martin DBX

La divisione Langonda, fino ad oggi, ha progettato alcune delle Aston Martin più esclusive di sempre, come la DB11, la speciale Rapide AMR da oltre 600 CV e la DBS Superleggera. Anche questo SUV sarà quindi esclusivo e dedicato a quelle poche persone che avranno la possibilità di staccare un bell’assegno per accaparrarsi un esemplare. Il prezzo non è ancora stato comunicato, ma non sarà per tutti.

Fotogallery: Aston Martin DBX, gli ultimi test