Ci sono incentivi all’acquisto con o senza rottamazione, e finanziamenti con anticipo, mini rate e maxi rata finale

Si moltiplica l’offerta per le vetture elettriche e ibride: ne è un esempio la recente MINI Countryman Plug-in Hybrid, che fino alla fine del 2019 può essere acquistata con alcune proposte vantaggiose.

Innanzi tutto, anche senza rottamazione, la MINI ibrida da 224 CV con circa 40 km di autonomia in elettrico può essere acquistata con 2.500 euro di ecoincentivi, dei quali 1.500 euro dello stato e 1.000 offerti da MINI; in caso di permuta di un veicolo fino a Euro 4 di proprietà da almeno un anno, gli incentivi statali salgono a 2.500 euro.

In più, c’è la possibilità di acquistare la MINI Cooper S E Countryman ALL4 automatica con il pacchetto Hype, dal listino di 40.600 euro, anticipando 10.596,6 euro e versando poi 47 rate da 294,98 euro (TAN fisso 2,99%, TAEG 4,12%) e una rata finale di 19.479,90 euro per 48 mesi o 60.000 km.

Vantaggi

Sfruttando gli ecoincentivi statali e lo sconto offerto da MINI, può risultare interessante passare ad una vettura che risponde meglio alle recenti normative anti-inquinamento, soprattutto nelle grandi città con limitazioni di circolazione ai veicoli più vecchi. La MINI Countryman è una quasi-SUV dal prezzo importante, ma alla fine può essere acquistata dilazionando l’importo in quattro anni con 15.000 km annui, magari passando poi ad una versione dalla tecnologia più aggiornata.

Svantaggi

Come di consueto, i prezzi di esempio escludono spese territoriali o fisse come IPT e PFU, mentre il costo pratica di 350 euro non è bassissimo; il tasso di interesse, invece, sarebbe uno dei migliori del mercato, se non ci fossero concorrenti che offrono tasso e/o anticipo zero. Non ci sono indicazioni né sul superamento del limite chilometrico, né sulle condizioni di acquisto arrivati all’ultima rata, come rifinanziamento, sostituzione o restituzione, che andranno chiesti alla concessionaria.

Fotogallery: Nuova MINI Countryman 2017